Ricerca
pubblicato il 12/09/2005


COGNOME | NOME | CODICE IDENTIFICATIVO


ALBINI EUGENIO MDS113118
ANEDDA ALBERTO MDS102117
AZZOLINI PIER LORENZO MDS105139
BABINI ANDREA MDS110111
BAGLIONI GABRIELE MDS103112
BALDINI LORENZO MDS110112
BARDAZZI PIER VITTORIO MDS104112
BASILE GIUSEPPINA MDS101121
BATTISTINI GIANCARLO MDS110113
BAZZOCCHI PAOLO MDS112113
BECCHI MARIA ANGELA MDS104130
BELTRAMI GIANFRANCO MDS102112
BENATI ORETTA MDS105125
BERNARDI DANIELE MDS113120
BERNARDI GUARINO MDS110114
BERNARDI STEFANO MDS102121
BIOLCHI OVIDIO MAURO MDS101123
BOLLETTA UMBERTO MDS109122
BOLOGNESI MASSIMO MDS112111
BONIFACCI PATRIZIA MDS105116
BOSCHETTI MARCO MDS112116
BOVINA MAURO MDS106113
BRIGLIA SIMONA MDS110115
BRUSCHI FABIANA MDS103111
BUDRIESI NICOLA MDS105129
BURZI ROMANO MDS105122
CANTERGIANI ANDREA MDS104121
CASARINI PIERO MDS105132
CAVALLARI FABRIZIA MDS106111
CILLONI DOMENICO MDS103113
CIPRESSI ANDREA MDS104114
COBIANCHI CORRADO MDS105136
CONTARINI FRANCESCO MDS110117
CONTENTO PASQUALE MDS113113
CORGHI FABRIZIO MDS104117
CORSETTI ROBERTO MDS106114
COSTANTINO BIAGIO MDS101120
COZZINI DANIELE MDS102111
CRISTOFORI MARCO MDS109111
CUZZANI TOMMASO MDS110118
DALMONTE LIVIO MDS110119
DE LUCA GIANFRANCO MDS110120
D'INTINO PAOLA EMANUELA MDS105128
DONZELLI VIVIANA MDS110121
DRAGO ENRICO MDS105133
FABBRI ROBERTO MDS110122
FARAGONA FABIO MDS113119
FAVA PAOLA MDS104127
FIORELLA PIER LUIGI MDS110123
FOGLI MARCO MDS109126
FONTANA FRANCESCO MDS110124
FRANZOSO GIULIA MDS110125
GALLO CLAUDIO GIUSEPPE MDS105130
GAMBARARA DANILO MDS113117
GASPERONI RENATO MDS112118
GHIGLIONI GIUSEPPE MDS109120
GIAGNORIO RAFFAELLA MDS109114
GUERRINI PIERSANTE MDS110126
GUIDETTI ADRIANO MDS103114
GUIDUCCI UMBERTO MDS103118
IANCU GIOVANNI MDS104128
ILARI BARBARA MDS103115
KANELLOPULU SOFIA MDS110116
LAGHI DONATELLA MDS110127
LAMERI ELENA MDS103116
LAVEZZO MARCELLO MDS109121
LE NOCI ANNA LISA MDS104131
LIGABUE ENRICO MDS103123
LODI GUIDO MDS104123
LUCHETTI CLAUDIO MDS113112
LUGLI ALBERTO MDS109123
MAESTRI PAOLO MDS113111
MAGNANI LUCIANO MDS112112
MAGNANI MARCO MDS110128
MALUCELLI MAURIZIO MDS109124
MAMBELLI MAURIZIO MDS112115
MANGOLINI CRISTINA MDS109115
MARTINELLI BRUNO MDS109116
MASOTTI ANDREA MDS105112
MASTROJANNI CATERINA MDS105131
MEDRI FRANCESCO MDS110129
MELLONI SANDRO MDS109117
MESSINA LORENZO MDS104116
MICHELINI LUCA MDS104113
MITTIGA MARIO MDS104125
MONTANI GIOVANNI MDS102120
MORINI MARCELLO MDS110130
MORUZZI MARCO MDS112117
MUCCI ROBERTO MDS111212
ORLANDI DIEGO MDS112114
PAGANO DRITTO EUGENIO MDS110131
PALLI ROBERTO MDS105118
PECORARI PAOLO MDS105134
PETTINI ANDREA MDS111211
PICCININI LUCA MDS104122
PIOLANTI STEFANO MDS105117
PISTOLESI ANTONIO MDS102119
PIZZOLI ANDREA MDS110132
POLETTI GIUSEPPE MDS105115
POSABELLA GIOVANNI MDS105123
RAIMONDI STEFANIA MDS110133
RIGON GIANDOMENICO MDS109119
ROMAGNOLI LEONARDO MDS109112
RONCASSAGLIA MASSIMO MDS106112
ROSA SANDRO MDS105126
ROSSI GIUSEPPE MDS113121
ROTI SERGIO MDS103117
RUBBOLI FIORENZO MDS111213
RUTIGLIANO DONATO MDS104124
SANTINI CESARE MDS113115
SCACCHETTI MARCO MDS105111
SELLA GIANLUIGI MDS110134
SENALDI ROBERTO MDS105135
SGARZI SERGIO MDS105113
SOLDATI ANDREA MDS105114
SOLITO FRANCESCO MDS102115
SPATTINI MASSIMO MDS103122
SPEZI WALTER MDS113114
SPEZIALE FRANCESCO MDS105120
SPORTELLI GIANCARLO MDS102114
TAGLIA FRANCO MDS103120
TANZI RICCARDO MDS104120
TASSANI GIUSEPPE MDS113116
TONELLI MARINO MDS102116
TONI GIULIO MDS103121
TOVOLI CRISTINA MDS105127
TRIPI FERDINANDO MDS104111
VALERIANI ANDREA MDS109113
VECCHI ROBERTO MDS102118
VECCHIATINI ROBERTO MDS105138
VENTUROLI LUIGI MDS105121
VENTUROLI MARIA GRAZIA MDS104115
VERITA' LUCIANO MDS109125
VERNI ETTORE MDS104129
VERNOTICO LAURA MDS109127
VICINI MAURIZIO MDS104118
VINCENTELLI FERRUCCIO MDS105124
VIOLI ENRICO MDS103119
VISALLI SALVATORE MDS101122
VISANI GIORGIO MDS105137
ZANARDI GIOVANNI MDS102113
ZANI ZENO MDS105119
ZIGLIO PIER GIORGIO MDS109118
ZIRONI RINO CLEMENTE MDS104126
ZORATTI MARTA MDS104119

pubblicato il 28/09/2005

Cognome e Nome dello specialista in Medicina dello sport e relativo Codice identificativo:
ALBINI EUGENIO MDS113118 ANEDDA ALBERTO MDS102117 AZZOLINI PIER LORENZO MDS105139 BABINI ANDREA MDS110111 BAGLIONI GABRIELE MDS103112 BALDINI LORENZO MDS110112 BARDAZZI PIER VITTORIO MDS104112 BASILE GIUSEPPINA MDS101121 BATTISTINI GIANCARLO MDS110113 BAZZOCCHI PAOLO MDS112113 BECCHI MARIA ANGELA MDS104130 BELTRAMI GIANFRANCO MDS102112 BENATI ORETTA MDS105125 BERNARDI DANIELE MDS113120 BERNARDI GUARINO MDS110114 BERNARDI STEFANO MDS102121 BIOLCHI OVIDIO MAURO MDS101123 BOLLETTA UMBERTO MDS109122 BOLOGNESI MASSIMO MDS112111 BONIFACCI PATRIZIA MDS105116 BOSCHETTI MARCO MDS112116 BOVINA MAURO MDS106113 BRIGLIA SIMONA MDS110115 BRUSCHI FABIANA MDS103111 BUDRIESI NICOLA MDS105129 BURZI ROMANO MDS105122 CANTERGIANI ANDREA MDS104121 CASARINI PIERO MDS105132 CAVALLARI FABRIZIA MDS106111 CILLONI DOMENICO MDS103113 CIPRESSI ANDREA MDS104114 COBIANCHI CORRADO MDS105136 CONTARINI FRANCESCO MDS110117 CONTENTO PASQUALE MDS113113 CORGHI FABRIZIO MDS104117 CORSETTI ROBERTO MDS106114 COSTANTINO BIAGIO MDS101120 COZZINI DANIELE MDS102111 CRISTOFORI MARCO MDS109111 CUZZANI TOMMASO MDS110118 DALMONTE LIVIO MDS110119 DE LUCA GIANFRANCO MDS110120 D'INTINO PAOLA EMANUELA MDS105128 DONZELLI VIVIANA MDS110121 DRAGO ENRICO MDS105133 FABBRI ROBERTO MDS110122 FARAGONA FABIO MDS113119 FAVA PAOLA MDS104127 FIORELLA PIER LUIGI MDS110123 FOGLI MARCO MDS109126 FONTANA FRANCESCO MDS110124 FRANZOSO GIULIA MDS110125 GALLO CLAUDIO GIUSEPPE MDS105130 GAMBARARA DANILO MDS113117 GASPERONI RENATO MDS112118 GHIGLIONI GIUSEPPE MDS109120 GIAGNORIO RAFFAELLA MDS109114 GUERRINI PIERSANTE MDS110126 GUIDETTI ADRIANO MDS103114 GUIDUCCI UMBERTO MDS103118 IANCU GIOVANNI MDS104128 ILARI BARBARA MDS103115 KANELLOPULU SOFIA MDS110116 LAGHI DONATELLA MDS110127 LAMERI ELENA MDS103116 LAVEZZO MARCELLO MDS109121 LE NOCI ANNA LISA MDS104131 LIGABUE ENRICO MDS103123 LODI GUIDO MDS104123 LUCHETTI CLAUDIO MDS113112 LUGLI ALBERTO MDS109123 MAESTRI PAOLO MDS113111 MAGNANI LUCIANO MDS112112 MAGNANI MARCO MDS110128 MALUCELLI MAURIZIO MDS109124 MAMBELLI MAURIZIO MDS112115 MANGOLINI CRISTINA MDS109115 MARTINELLI BRUNO MDS109116 MASOTTI ANDREA MDS105112 MASTROJANNI CATERINA MDS105131 MEDRI FRANCESCO MDS110129 MELLONI SANDRO MDS109117 MESSINA LORENZO MDS104116 MICHELINI LUCA MDS104113 MITTIGA MARIO MDS104125 MONTANI GIOVANNI MDS102120 MORINI MARCELLO MDS110130 MORUZZI MARCO MDS112117 MUCCI ROBERTO MDS111212 ORLANDI DIEGO MDS112114 PAGANO DRITTO EUGENIO MDS110131 PALLI ROBERTO MDS105118 PECORARI PAOLO MDS105134 PETTINI ANDREA MDS111211 PICCININI LUCA MDS104122 PIOLANTI STEFANO MDS105117 PISTOLESI ANTONIO MDS102119 PIZZOLI ANDREA MDS110132 POLETTI GIUSEPPE MDS105115 POSABELLA GIOVANNI MDS105123 RAIMONDI STEFANIA MDS110133 RIGON GIANDOMENICO MDS109119 ROMAGNOLI LEONARDO MDS109112 RONCASSAGLIA MASSIMO MDS106112 ROSA SANDRO MDS105126 ROSSI GIUSEPPE MDS113121 ROTI SERGIO MDS103117 RUBBOLI FIORENZO MDS111213 RUTIGLIANO DONATO MDS104124 SANTINI CESARE MDS113115 SCACCHETTI MARCO MDS105111 SELLA GIANLUIGI MDS110134 SENALDI ROBERTO MDS105135 SGARZI SERGIO MDS105113 SOLDATI ANDREA MDS105114 SOLITO FRANCESCO MDS102115 SPATTINI MASSIMO MDS103122 SPEZI WALTER MDS113114 SPEZIALE FRANCESCO MDS105120 SPORTELLI GIANCARLO MDS102114 TAGLIA FRANCO MDS103120 TANZI RICCARDO MDS104120 TASSANI GIUSEPPE MDS113116 TONELLI MARINO MDS102116 TONI GIULIO MDS103121 TOVOLI CRISTINA MDS105127 TRIPI FERDINANDO MDS104111 VALERIANI ANDREA MDS109113 VECCHI ROBERTO MDS102118 VECCHIATINI ROBERTO MDS105138 VENTUROLI LUIGI MDS105121 VENTUROLI MARIA GRAZIA MDS104115 VERITA' LUCIANO MDS109125 VERNI ETTORE MDS104129 VERNOTICO LAURA MDS109127 VICINI MAURIZIO MDS104118 VINCENTELLI FERRUCCIO MDS105124 VIOLI ENRICO MDS103119 VISALLI SALVATORE MDS101122 VISANI GIORGIO MDS105137 ZANARDI GIOVANNI MDS102113 ZANI ZENO MDS105119 ZIGLIO PIER GIORGIO MDS109118 ZIRONI RINO CLEMENTE MDS104126 ZORATTI MARTA MDS104119
pubblicato il 28/09/2005

LEGGE REGIONALE 23 dicembre 2004, n. 29 NORME GENERALI SULL’ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE
IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge:
S O M M A R I O Art. 1 – Tutela della salute e Servizio sanitario regionale Art. 2 – Principi di organizzazione del Servizio sanitario regionale
Art. 3 – Organizzazione e finanziamento delle Aziende sanitarie
Art. 4 – Distretti sanitari Art. 5 – Relazioni fra Servizio sanitario regionale ed Enti locali Art. 6 – Bilancio, patrimonio ed investimenti delle Aziende sanitarie Art. 7 – Sperimentazioni gestionali Art. 8 – Personale del Servizio sanitario regionale Art. 9 – Relazioni fra Servizio sanitario regionale ed Università
Art. 10 – Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Art. 11 – Promozione della ricerca e della formazione in sanità
Art. 12 – Modifiche alla legge regionale 20 dicembre 1994, n. 50 Art. 13 – Entrata in vigore Art. 1 Tutela della salute e Servizio sanitario regionale 1. Il Servizio sanitario regionale (di seguito denominato ‘Ssr’) è costituito dalle strutture, dalle funzioni e dalle attività assistenziali rivolte ad assicurare, nell’ambito del Servizio sanitario nazionale (di seguito denominato ‘Ssn’) e nel rispetto dei suoi principi fondamentali, la tutela della salute come diritto fondamentale della persona ed interesse della collettività ai sensi dell’articolo 32 della Costituzione, degli articoli 1 e 2 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833 (Istituzione del Servizio sanitario nazionale) e dell’articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, (Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell’articolo 1 della Legge 23 ottobre 1992, n. 421) nel testo introdotto dall’articolo 1 del decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229 (Norme per la razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale, a norma dell’articolo 1 della Legge 30 novembre 1998, n. 419) e modificato dall’articolo 1, comma 5, del decreto-legge 18 settembre 2001, n. 347, recante interventi urgenti in materia di spesa sanitaria, convertito con modificazioni dalla legge 16 novembre 2001, n. 405.
2 Il Ssr si ispira ai seguenti principi:
a) la centralità del cittadino, in quanto titolare del diritto alla salute e partecipe della definizione delle prestazioni, della organizzazione dei servizi e della loro valutazione;
b) la responsabilità pubblica per la tutela del diritto alla salute della persona e delle comunità locali;
c) l’universalità e l’equità di accesso alle prestazioni e ai servizi, secondo le necessità di ciascuna persona presente nel territorio regionale, in base alle regole di accesso determinate dalla normativa statale e dagli accordi internazionali;
d) la globalità della copertura assistenziale, quale garanzia dei livelli essenziali ed uniformi di assistenza, in quanto complesso delle prestazioni e dei servizi garantiti secondo le necessità di ciascuno, nel rispetto dei principi della dignità della persona, del bisogno di salute, dell’equità di accesso ai servizi, della qualità dell’assistenza, dell’efficacia ed appropriatezza dei servizi e delle prestazioni, nonché dell’economicità nell’impiego delle risorse;
e) il finanziamento pubblico dei livelli essenziali ed uniformi di assistenza, mediante stanziamenti a carico del fondo sanitario regionale, alimentato attraverso l’imposizione tributaria generale; l’eventuale ricorso alla partecipazione alla spesa da parte degli utilizzatori dei servizi e delle prestazioni si ispira a principi di equità e di progressività;
f) la valorizzazione delle responsabilità individuali e collettive nella promozione di stili di vita e di ambienti di vita e di lavoro idonei a mantenere lo stato di salute degli individui e delle collettività;
g) la libera scelta del luogo di cura, nell’ambito dei soggetti, delle strutture e dei professionisti accreditati con cui sono stati stipulati accordi contrattuali;
h) la valorizzazione delle risorse umane e professionali degli operatori, la loro partecipazione alle attività di ricerca e di formazione continua, nonché il loro coinvolgimento nei processi decisionali, anche attraverso le loro organizzazioni di rappresentanza;
i) la valorizzazione della funzione delle formazioni sociali e dell’autonoma iniziativa delle persone, singole Parte prima - N. 35 Spedizione in abbonamento postale - Filiale di Bologna Euro ....
art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 Anno 35 28 dicembre 2004 N. 178 o associate, per lo svolgimento di attività d’interesse generale e di rilevanza sociale, in attuazione dell’articolo 118 della Costituzione;
l) la compartecipazione degli Enti locali alla programmazione delle attività ed alla verifica dei risultati di salute;
m) la leale collaborazione con le altre Regioni e con lo Stato, attraverso la promozione delle opportune forme di coordinamento, anche al fine di assicurare la portabilità dei diritti dei cittadini della Regione Emilia-Romagna e la reciprocità di trattamento;
n) la collaborazione con le Università, per il loro ruolo fondamentale nella formazione e nella ricerca, con la finalità di promuovere in particolare la formazione del personale del Ssr e di sviluppare la ricerca biomedica e sanitaria, valorizzandone i risultati come strumento di innovazione gestionale ed organizzativa del sistema sanitario.
Art. 2 Principi di organizzazione del Servizio sanitario regionale 1. La Regione assicura i livelli essenziali ed uniformi di assistenza attraverso:
a) le Aziende Unità sanitarie locali, (di seguito denominate ‘Aziende Usl’ o ‘Azienda Usl’);
b) le Aziende ospedaliere, nonché, in connessione con specifiche esigenze assistenziali, didattiche o di ricerca scientifica, gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (di seguito denominati ‘IRCCS’) e, secondo le modalità di cui all’articolo 9 della presente legge, le Aziende ospedaliero-universitarie, già Aziende ospedaliere integrate con l’Università. La costituzione di Aziende ospedaliere è disposta dalla Regione motivando sulla base della complessità della casistica trattata e del ruolo di ospedale di riferimento per specifici programmi regionali di assistenza individuati dal Piano sanitario regionale;
c) altri soggetti pubblici e privati accreditati, con i quali le Aziende e gli Istituti di cui alle lettere a) e b) – di seguito denominati ‘Aziende Sanitarie’ – abbiano stipulato accordi contrattuali.
2. L’organizzazione del Ssr prevede:
a) l’obbligo di qualità tecnica, professionale e relazionale per tutti i servizi e le prestazioni resi da parte delle Aziende sanitarie e delle altre strutture che forniscono prestazioni e servizi al Ssr;
b) la trasparenza nei confronti dei cittadini, degli utenti e delle loro rappresentanze organizzate e la loro partecipazione alla valutazione dei servizi, secondo le indicazioni contenute nella Carta dei servizi e nell’atto aziendale;
c) la programmazione a rete e la regolazione dell’offerta pubblica e privata delle prestazioni e dei servizi;
d) la partecipazione degli Enti locali alla programmazione sanitaria regionale e locale, nonché alla verifica dei risultati di salute ottenuti dalle Aziende sanitarie;
e) la partecipazione delle Aziende sanitarie all’elaborazione, da parte degli Enti locali, dei Piani per la salute previsti dal Piano sanitario regionale;
f) il governo clinico delle Aziende sanitarie e la partecipazione organizzativa degli operatori;
g) il confronto e la concertazione quali metodi di relazione con le organizzazioni sindacali;
h) l’integrazione tra le diverse forme di assistenza sanitaria e tra l’assistenza sanitaria e quella sociale, secondo i principi di cui all’articolo 3-septies del decreto legislativo n. 502 del 1992 e successive modifiche, ed in base alla legge regionale 12 marzo 2003, n. 2 (Norme per la promozione della cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali), favorendo in particolare l’integrazione sociale delle persone con patologie psichiatriche e con dipendenze da droga, alcool e farmaci, secondo i principi di libertà e di dignità umana alla base della legge 13 maggio 1978, n. 180 (Accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori).
3. La realizzazione di strutture sanitarie e l’esercizio di attività sanitarie sono subordinate alle relative autorizzazioni;
l’esercizio di attività sanitarie per conto del Ssr è subordinato all’accreditamento istituzionale, e l’esercizio di attività sanitarie a carico del Ssr è subordinato alla definizione degli accordi contrattuali, secondo quanto previsto dalla legge regionale 12 ottobre 1998, n. 34 (Norme in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private in attuazione del DPR 14 gennaio 1997) e successive modifiche e dalla legge regionale 12 maggio 1994, n. 19 (Norme per il riordino del Servizio sanitario regionale ai sensi del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, modificato dal decreto legislativo 7 dicembre 1993, n. 517) e successive modifiche.
4. La Regione, con riferimento alle attività ed agli oggetti attinenti all’organizzazione ed al funzionamento del Ssr, assicura il coordinamento delle autonomie funzionali operanti nel territorio regionale, secondo il criterio di favorire l’esercizio concertato delle funzioni tra loro omogenee e nel rispetto dell’autonomia ad esse garantita.
5. I rapporti tra il Ssr e le Università sono disciplinati nel rispetto dei principi fondamentali dettati dalle leggi dello Stato, dalle disposizioni della presente legge, nonchè attraverso la stipulazione del protocollo d’intesa di cui all’articolo 9.
6. La Regione promuove le opportune forme di autocoordinamento fra le Regioni e di coordinamento con lo Stato, nonché, nell’ambito dell’attuazione degli obblighi comunitari, il collegamento con le scelte di protezione della salute effettuate dall’Unione europea.
Art. 3 Organizzazione e finanziamento delle Aziende sanitarie 1. Le Aziende Usl hanno autonomia imprenditoriale.
La loro organizzazione ed il loro funzionamento sono determinati nell’atto aziendale, adottato dal direttore generale ai sensi della legge regionale n. 19 del 1994 e successive modifiche. Le Aziende Usl assicurano, nell’esercizio unitario delle loro funzioni di prevenzione, incluse quelle relative alla sicurezza alimentare ed alla sanità animale, diagnosi, cura e riabilitazione, nonché il coordinamento e l’integrazione delle attività dei propri servizi con quelle degli altri soggetti pubblici e privati accreditati erogatori delle prestazioni e dei servizi sanitari e sociali. L’atto aziendale disciplina l’articolazione distrettuale delle Aziende Usl e l’organizzazione delle Aziende sanitarie secondo il modello dipartimentale, nonché i compiti e le responsabilità dei dirigenti di dipartimento e di distretto.
2. Le Aziende Usl sono finanziate dalla Regione in relazione ai livelli essenziali ed uniformi di assistenza, secondo criteri di equità e trasparenza, in base alla popolazione 2 28-12-2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE PRIMA - N. 178 residente nel proprio ambito territoriale, con le opportune ponderazioni collegate alle differenze nei bisogni assistenziali e nell’accessibilità ai servizi.
3. Sono organi delle Aziende Usl: il direttore generale, cui spetta la responsabilità complessiva della gestione; il Collegio di direzione, con compiti di proposta per l’organizzazione e lo sviluppo dei servizi e delle attività di ricerca ed innovazione e la valorizzazione delle risorse umane e professionali degli operatori; il Collegio sindacale, con compiti di vigilanza sulla regolarità amministrativa e contabile.
4. Gli atti aziendali di cui al comma 1 sono adottati dai direttori generali in coerenza con le direttive emanate dalla Giunta regionale, ai sensi di quanto previsto all’articolo 4 della legge regionale n. 19 del 1994, come modificato dall’articolo 4 della legge regionale 25 febbraio 2000, n.
11 (Modifiche della L.R. 12 maggio 1994, n. 19 “Norme per il riordino del servizio sanitario regionale ai sensi del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, modificato dal decreto legislativo 7 dicembre 1993, n. 517” e della L.R. 20 dicembre 1994, n. 50 “Norme in materia di programmazione, contabilità, contratti e controllo delle Aziende unità sanitarie locali e delle Aziende ospedaliere” ai sensi del DLgs 19 giugno 1999, n. 229). Tali direttive sono emanate previo parere della Commissione consiliare competente. La Giunta regionale trasmette altresì, prima della verifica di conformità di cui al comma 9 dell’articolo 4 della legge regionale n. 19 del 1994, come modificato dall’articolo 4 della legge regionale n. 11 del 2000, gli atti aziendali alla Commissione consiliare competente.
Gli atti aziendali, tra l’altro, stabiliscono:
a) la composizione del Collegio di direzione, prevedendo la presenza del personale medico convenzionato;
b) le forme e le modalità delle relazioni tra il Collegio di direzione e gli altri organi dell’Azienda;
c) la partecipazione del Collegio di direzione all’elaborazione del programma aziendale di formazione permanente ed alla formulazione di proposte in materia di libera professione, ivi compresa l’individuazione di strumenti e modalità per il monitoraggio dell’attività libero-professionale intramuraria;
d) la composizione e le forme di rappresentanza del Collegio aziendale delle professioni sanitarie.
5. La Regione nomina il direttore generale ed i componenti del Collegio sindacale. Il Collegio sindacale è composto da tre membri, di cui uno designato dalla Regione, con funzioni di Presidente, ed uno designato dalla Conferenza territoriale sociale e sanitaria. È assicurata allo Stato la possibilità di designare un componente all’interno del Collegio sindacale. Il direttore generale è coadiuvato, nell’esercizio delle proprie funzioni, dal direttore amministrativo e dal direttore sanitario, secondo quanto previsto dall’articolo 3, comma 1-quater e 1-quinquies del decreto legislativo n. 502 del 1992 e successive modifiche.
L’atto aziendale di cui al comma 1 disciplina la presenza di un direttore delle attività socio-sanitarie.
6. Le Aziende e gli Istituti di cui all’articolo 2, comma 1, lettera b) sono organizzati in analogia con le Aziende Usl, fatto salvo quanto previsto dagli articoli 9 e 10. La remunerazione delle loro attività assistenziali è definita nell’ambito di accordi da essi stipulati con l’Azienda o le Aziende Usl interessate, salvo gli eventuali trasferimenti regionali connessi a specifiche funzioni assistenziali, nonché i trasferimenti collegati alle procedure della mobilità sanitaria interregionale. Per le Aziende ospedaliero- universitarie e gli IRCCS la remunerazione è effettuata in base alle tariffe stabilite ai sensi del comma 8 dell’articolo 9, tenendo conto dei maggiori costi indotti sulle attività assistenziali dalle funzioni di didattica e di ricerca.
7. Le Aziende sanitarie si uniformano al principio della partecipazione organizzativa degli operatori ai processi di sviluppo e miglioramento organizzativo per il conseguimento degli obiettivi aziendali.
Art. 4 Distretti sanitari 1. I distretti sanitari, individuati dall’atto aziendale secondo le modalità stabilite dall’articolo 5, costituiscono l’articolazione territoriale delle Aziende Usl allo scopo di:
a) promuovere e sviluppare la collaborazione con i Comuni, nonché con la popolazione e con le sue forme associative, secondo il principio di sussidiarietà, per la rappresentazione delle necessità assistenziali e l’elaborazione dei relativi programmi di intervento;
b) assicurare l’accesso ottimale all’assistenza sanitaria primaria ed ai servizi sociosanitari di cui all’articolo 3-quinquies del decreto legislativo n. 502 del 1992 e successive modifiche, nonché il coordinamento delle proprie attività fra di loro e con i servizi aziendali a valenza sovradistrettuale;
c) favorire la partecipazione dei cittadini.
2. Nell’ambito delle risorse assegnate, i distretti sono dotati di autonomia tecnico-gestionale ed economico-finanziaria, con contabilità separata all’interno del bilancio aziendale. I distretti attuano, con riferimento a ciascun ambito territoriale, le strategie aziendali sulla base dei Programmi delle attività territoriali, di cui all’articolo 3-quater del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modifiche, che comprendono in particolare:
a) i servizi e le prestazioni di assistenza primaria assicurati a livello di distretto;
b) le prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, caratterizzate da specifica ed elevata necessità d’integrazione, nonché, se delegate dai Comuni, le prestazioni sociali a rilevanza sanitaria.
3. L’atto aziendale stabilisce le forme e le modalità d’integrazione fra l’attività distrettuale ed i dipartimenti di sanità pubblica e salute mentale.
Art. 5 Relazioni fra Servizio sanitario regionale ed Enti locali 1. L’Ufficio di presidenza della Conferenza territoriale sociale e sanitaria, di cui all’articolo 11 della legge regionale n. 19 del 1994, come modificato dall’articolo 7 della legge regionale 20 ottobre 2003, n. 21 (Istituzione dell’Azienda unità sanitaria locale di Bologna – Modifiche alla legge regionale 12 maggio 1994, n. 19), esprime parere sulla nomina del direttore generale da parte della Regione. La Conferenza esprime altresì parere ai fini della verifica di cui all’articolo 3-bis, comma 6 del decreto legislativo n. 502 del 1992 e successive modifiche. La Conferenza può chiedere alla Regione di procedere alla verifica del direttore generale, anche al fine della revoca dell’incarico, qualora la gestione presenti una situazione di grave e persistente disavanzo, in caso di violazione di legge o del principio di buon andamento e di imparzialità 28-12-2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE PRIMA - N. 178 3 della amministrazione, ovvero nel caso di manifesta inattuazione nella realizzazione del piano attuativo locale, di cui all’articolo 17, comma 1, lettera f) della legge regionale n. 19 del 1994 e successive modifiche.
2. La Conferenza promuove, nel rispetto dell’autonomia statutaria degli enti territoriali, la partecipazione dei Consigli comunali e dei Consigli provinciali alla definizione dei piani attuativi locali, nonché la partecipazione dei cittadini e degli utenti alla valutazione dei Servizi sanitari.
3. La Conferenza promuove, con il supporto delle Aziende sanitarie, strategie ed interventi volti alla promozione della salute ed alla prevenzione, anche attraverso i Piani per la salute previsti dal Piano sanitario regionale.
4. Fermi restando i compiti e le funzioni di cui all’articolo 11 della legge regionale n. 19 del 1994 e successive modifiche, la Conferenza territoriale sociale e sanitaria, d’intesa con i direttori generali, individua i distretti e modifica i loro ambiti territoriali. Il direttore generale adotta i provvedimenti conseguenti, trasmettendoli alla Giunta regionale per la verifica di conformità alla programmazione regionale. La Conferenza assicura altresì l’equa distribuzione delle risorse fra i diversi ambiti distrettuali, in rapporto agli obiettivi di programmazione, alla distribuzione ed alla accessibilità dei servizi ed ai risultati di salute.
5. Per lo svolgimento dei compiti e delle funzioni proprie, la Conferenza può istituire un apposito ufficio, avvalendosi anche delle risorse delle Aziende sanitarie interessate.
L’organizzazione ed il funzionamento di tale ufficio è disciplinato dalla Conferenza, di concerto con le Aziende sanitarie interessate per le risorse di loro competenza.
6. In ogni ambito distrettuale comprendente più Comuni o più circoscrizioni comunali è istituito il Comitato di distretto, composto dai sindaci dei Comuni, o loro delegati, e, ove previsto dalla legge e nel rispetto degli statuti comunali, dai presidenti delle circoscrizioni facenti parte del distretto. Tale Comitato opera in stretto raccordo con la Conferenza territoriale sociale e sanitaria e disciplina le forme di partecipazione e di consultazione alla definizione del Programma delle attività territoriali.
7. Fermi restando i poteri di proposta e di verifica delle attività territoriali di cui all’articolo 9, comma 5 della legge regionale n. 19 del 1994 e successive modifiche, il Comitato di distretto esprime parere obbligatorio sul Programma delle attività territoriali, sull’assetto organizzativo e sulla localizzazione dei servizi del distretto e verifica il raggiungimento dei risultati di salute del Programma delle attività territoriali. Qualora tale parere risulti negativo, il direttore generale procede solo previo parere dell’Ufficio di presidenza della Conferenza. Il direttore generale adotta altresì, d’intesa con il Comitato di distretto, il Programma delle attività territoriali, limitatamente alle attività sociosanitarie.
8. La Conferenza territoriale sociale e sanitaria, attraverso il proprio regolamento, e l’Azienda Usl, attraverso l’atto aziendale, disciplinano rispettivamente le relazioni con il Comitato di distretto e con i distretti.
9. Il direttore generale nomina i direttori di distretto, d’intesa con il Comitato di distretto. Quando ricorrano gravi motivi, il Comitato può avanzare motivata richiesta al direttore generale di revoca della nomina.
Art. 6 Bilancio, patrimonio ed investimenti delle Aziende sanitarie 1. Il piano programmatico, il bilancio pluriennale di previsione, il bilancio economico preventivo ed il bilancio d’esercizio sottoposto a revisione contabile costituiscono gli strumenti della programmazione economico-finanziaria per il governo delle Aziende sanitarie. Gli strumenti contabili documentano l’impegno delle risorse relative ai livelli essenziali di assistenza. Il bilancio di missione, presentato unitamente al bilancio d’esercizio, rende conto del perseguimento degli obiettivi di salute assegnati alle Aziende sanitarie dalla Regione e dalle Conferenze territoriali sociali e sanitarie.
2. Entro il 30 aprile di ogni anno, la competente Commissione consiliare esprime parere sulla proposta di finanziamento delle Aziende sanitarie predisposta dalla Giunta regionale, sul quadro generale degli obiettivi loro assegnati, nonché sul bilancio economico preventivo di ciascuna Azienda sanitaria. La Giunta regionale approva i bilanci consuntivi delle Aziende sanitarie, previo parere della competente Commissione consiliare, e riferisce annualmente al Consiglio sullo stato del Ssr e dei bilanci delle Aziende sanitarie per le opportune valutazioni.
3. I beni mobili ed immobili delle Aziende sanitarie destinati al perseguimento dei loro fini istituzionali costituiscono patrimonio indisponibile delle stesse, ai sensi dell’articolo 828, comma 2, del Codice civile. La sottrazione di tali beni al regime di proprietà pubblica può avvenire esclusivamente previa espressa autorizzazione regionale, sulla base di un analitico programma di riqualificazione dei servizi sanitari.
4. La Regione può, ai sensi dell’articolo 119, ultimo comma, della Costituzione, autorizzare l’indebitamento delle Aziende sanitarie allo scopo di finanziare spese di investimento anche oltre i limiti di cui all’articolo 2, comma 2-sexies, lettera g), numero 1 e numero 2, del decreto legislativo n. 502 del 1992 e successive modifiche, previa motivata ed analitica valutazione dell’idoneità delle Aziende stesse a sostenerne gli oneri conseguenti.
5. La Regione promuove il rispetto dei tempi di pagamento nei contratti fra imprese ed Aziende sanitarie, anche attraverso il coordinamento delle stesse.
Art. 7 Sperimentazioni gestionali 1. La sperimentazione di nuove modalità gestionali ed organizzative nell’erogazione dei servizi sanitari e sociosanitari, attinenti alla gestione del personale o ad innovazioni di prodotto e di processo, é autorizzata dalla Giunta regionale, previo parere della Commissione consiliare competente. L’autorizzazione può essere concessa, in misura comunque non superiore a cinque anni, su proposta dell’Azienda sanitaria interessata che motivi analiticamente le ragioni dell’atteso miglioramento della qualità dei servizi, della convenienza economica e della funzionalità rispetto alla programmazione regionale. Alle sperimentazioni gestionali si applicano le disposizioni di cui all’articolo 9-bis, comma 2, del decreto legislativo n. 502 del 1992, nel testo aggiunto dall’articolo 11 del decreto legislativo 7 dicembre 1993, n. 517 (Modificazioni al DLgs 30 dicembre 1992, n. 502, recante riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell’articolo 1 della Legge 23 ottobre 1992, n. 421), come sostituito 4 28-12-2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE PRIMA - N. 178 dall’articolo 10 del decreto legislativo n. 229 del 1999 e modificato dall’articolo 3 del decreto legge n. 347 del 2001 convertito dalla Legge n. 405 del 2001.
2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano alle partecipazioni societarie delle Aziende sanitarie di cui all’articolo 7, comma 3, della legge regionale n. 19 del 1994, nel testo introdotto dall’articolo 57 della legge regionale n. 2 del 2003, nonché alla partecipazione da parte delle medesime alle forme di gestione di attività e servizi sociosanitari costituite dagli Enti locali, ai sensi dell’articolo 7, comma 3, della legge regionale n. 19 del 1994, nel testo introdotto dall’articolo 57 della legge regionale n. 2 del 2003.
Art. 8 Personale del Servizio sanitario regionale 1. Il rapporto di lavoro del personale del Ssr è di dipendenza, regolato ai sensi del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche). Eventuali previsioni speciali sono stabilite dalla Regione, nell’ambito dei principi della normativa statale. Le Aziende sanitarie esercitano, nei confronti del personale del Ssr, le capacità ed i poteri del privato datore di lavoro.
2. La dirigenza sanitaria ha rapporto di lavoro esclusivo, disciplinato da disposizioni regionali e dalla contrattazione collettiva, ad eccezione di quanto stabilito dall’articolo 15-sexies del decreto legislativo n. 502 del 1992, nel testo introdotto dall’articolo 13 del decreto legislativo n. 229 del 1999, e tenendo conto del principio fondamentale di reversibilità desumibile dall’articolo 2-septies del decreto legge 29 marzo 2004, n. 81, recante interventi urgenti per fronteggiare situazioni di pericolo per la salute pubblica, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 maggio 2004, n. 138.
3. L’attribuzione dell’incarico di direzione di struttura complessa ai dirigenti sanitari è effettuata dal direttore generale ai sensi dell’articolo 15-ter del decreto legislativo n. 502 del 1992 e successive modifiche, sulla base di una rosa di tre candidati selezionati fra i soggetti idonei dalla commissione di cui al medesimo articolo.
4. L’esclusività del rapporto di lavoro costituisce criterio preferenziale per il conferimento ai dirigenti sanitari di incarichi di direzione di struttura semplice e complessa, nonché di quelli previsti dall’articolo 5 del decreto legislativo 29 dicembre 1999, n. 517 (Disciplina dei rapporti fra Servizio sanitario nazionale ed Università, a norma dell’articolo 6 della Legge 30 novembre 1998, n. 419). La validità dei contratti individuali relativi agli incarichi di cui al periodo precedente operanti alla data di entrata in vigore della presente legge è condizionata all’esclusività del rapporto di lavoro.
5. La Regione stabilisce le disposizioni sull’esercizio della libera professione intra ed extramuraria della dirigenza sanitaria, curando di prevenire l’instaurarsi di condizioni di conflitto di interessi fra attività istituzionale ed attività libero professionale e di garantire il superamento delle liste di attesa ed il miglioramento continuo della qualità delle prestazioni e dei servizi nonché della efficienza generale del servizio. La Regione disciplina, in coerenza con quanto previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 marzo 2000 (Atto di indirizzo e coordinamento concernente l’attività libero-professionale intramuraria del personale della dirigenza sanitaria del Servizio sanitario nazionale), l’utilizzo del proprio studio professionale da parte dei dirigenti sanitari con rapporto di lavoro esclusivo nello svolgimento dell’attività libero- professionale intramuraria in regime ambulatoriale.
6. Il rapporto di lavoro del personale medico convenzionato con il Ssn è disciplinato dall’articolo 8 del decreto legislativo n. 502 del 1992. La Regione detta le opportune disposizioni affinché le attività dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, nonché delle professioni sanitarie di cui all’articolo 8, comma 2-bis, del decreto legislativo n. 502 del 1992, nel testo introdotto dall’articolo 6 del decreto legislativo 28 luglio 2000, n. 254 (Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229, per il potenziamento delle strutture per l’attività libero-professionale dei dirigenti sanitari), siano raccordate con le attività e le funzioni delle Aziende Usl, con particolare riferimento al livello distrettuale.
7. La Regione promuove e conclude accordi integrativi al fine di conformare ai principi di cui agli articoli 1 e 2 della presente legge gli accordi collettivi nazionali stipulati ai sensi dell’articolo 4, comma 9, della legge 30 dicembre 1991, n. 412 (Disposizioni in materia di finanza pubblica), relativamente al personale medico convenzionato ed alle farmacie pubbliche e private. Tali accordi integrativi sono finalizzati all’integrazione professionale ed organizzativa dei medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta e dei medici di continuità assistenziale con i servizi distrettuali e con gli altri servizi aziendali, anche favorendo forme associative tra il personale medico convenzionato.
Art. 9 Relazioni fra Servizio sanitario regionale ed Università 1. La Regione determina, ai sensi dell’articolo 6-ter del decreto legislativo n. 502 del 1992, il fabbisogno di personale sanitario del Ssr.
2. Le Università degli studi di Bologna, di Ferrara, di Modena-Reggio Emilia e di Parma concorrono, per gli aspetti concernenti le attività assistenziali essenziali allo svolgimento delle proprie funzioni istituzionali di didattica e di ricerca, all’elaborazione della programmazione sanitaria regionale. Le Università partecipano altresì alla programmazione sanitaria regionale mediante parere obbligatorio:
a) sulla proposta di Piano sanitario regionale approvato dalla Giunta;
b) sugli atti di programmazione regionale concernenti la definizione degli indirizzi di ricerca del Ssr e degli interventi che interessano le strutture sanitarie destinate all’esercizio di attività formative.
3. Il protocollo d’intesa fra la Regione e le Università individua l’attività assistenziale necessaria per lo svolgimento dei compiti istituzionali delle Università, determinata nel quadro della programmazione nazionale e regionale, assicurandone la funzionalità e la coerenza con le esigenze della didattica e della ricerca. Il protocollo disciplina altresì la programmazione della formazione del personale del Ssr e le modalità con cui gli accordi attuativi locali definiscono l’organizzazione dei dipartimenti integrati ed individuano le strutture essenziali per l’esercizio dei compiti istituzionali dell’Università.
4. La collaborazione fra Ssr ed Università si realizza attraverso le Aziende ospedaliero-universitarie di Bologna, di Ferrara, di Modena e di Parma, che costituiscono le 28-12-2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE PRIMA - N. 178 5 Aziende di riferimento, rispettivamente, per le Università di Bologna, di Ferrara, di Modena-Reggio Emilia e di Parma per le attività assistenziali essenziali allo svolgimento delle funzioni istituzionali di didattica e di ricerca delle Facoltà di medicina.
5. Fermo restando quanto stabilito dal comma 4, la programmazione sanitaria regionale individua le ulteriori sedi nelle quali si realizza la collaborazione tra la Regione e le Università, con particolare riguardo alle scuole di specializzazione mediche o ad altre Facoltà. A tal fine, il protocollo d’intesa, di cui al comma 3, è integrato da specifici accordi stipulati tra la Regione e l’Università interessata, aventi ad oggetto la disciplina, in coerenza con la programmazione attuativa locale, delle forme di integrazione delle attività assistenziali con le funzioni di didattica e di ricerca.
6. La Regione, previa intesa della Conferenza Regione- Università di cui alla legge regionale 24 marzo 2004, n. 6 (Riforma del sistema amministrativo regionale e locale.
Unione europea e relazioni internazionali. Innovazione e semplificazione. Rapporti con l’università), disciplina le Aziende ospedaliero-universitarie in analogia alle Aziende Usl e secondo i principi del decreto legislativo n.
517 del 1999, assicurando la partecipazione della componente universitaria al governo delle Aziende e garantendo all’Università la nomina di un componente del Collegio sindacale. Il Direttore generale delle Aziende ospedaliero- universitarie è nominato dalla Regione, acquisita l’intesa con il rettore dell’Università. Il protocollo d’intesa disciplina la verifica dei risultati dell’attività dei direttori generali, sulla base dei principi di cui all’articolo 3-bis del decreto legislativo n. 502 del 1992 e di quanto previsto dall’articolo 5 della presente legge.
7. L’atto aziendale disciplina, sulla base dei principi e dei criteri stabiliti nel protocollo d’intesa di cui al comma 3, la costituzione, l’organizzazione ed il funzionamento dei dipartimenti ad attività integrata ed individua le strutture complesse a direzione universitaria. L’atto aziendale è adottato dal direttore generale d’intesa con il rettore dell’Università limitatamente ai dipartimenti ed alle strutture di cui al presente comma.
8. Al sostegno economico-finanziario delle attività svolte dalle Aziende di riferimento concorrono risorse messe a disposizione sia dall’Università, con particolare riferimento a beni mobili ed immobili, sia dal Ssr. La Giunta regionale classifica tali Aziende, limitatamente all’attività direttamente svolta, nella fascia dei presidi a più elevata complessità assistenziale, riconoscendo altresì i maggiori costi indotti sulle attività assistenziali dalle funzioni di didattica e di ricerca. Il protocollo d’intesa disciplina le modalità per la compartecipazione della Regione e delle Università, per quanto di rispettiva competenza, ai risultati di gestione delle Aziende.
9. La Regione promuove e valorizza le attività di ricerca svolte dalle Aziende ospedaliero-universitarie e nelle altre sedi di collaborazione di cui al comma 5, concorrendo al finanziamento di programmi di ricerca e di formazione di comune interesse, definiti d’intesa tra la Regione e le singole Università nell’ambito degli indirizzi formulati dalla Conferenza Regione-Università.
Art. 10 Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico 1. Gli IRCCS aventi sede nel territorio regionale sono parte integrante del Ssr, nel cui ambito svolgono funzioni di alta qualificazione relativamente alle attività assistenziali, di ricerca e di formazione, partecipando altresì al sistema della ricerca nazionale ed internazionale.
2. Gli Istituti svolgono la loro attività assistenziale nell’ambito degli indirizzi e della programmazione regionale e sono organizzati in analogia con le Aziende Usl, ai sensi dell’articolo 3 del decreto legislativo n. 502 del 1992 e successive modifiche, salvo quanto previsto dal presente articolo.
3. Il direttore generale ed i componenti del Collegio sindacale sono nominati dalla Regione ai sensi degli articoli 3-bis e 3-ter del decreto legislativo n. 502 del 1992 e successive modifiche. Per quanto attiene ai direttori amministrativo e sanitario si applica quanto previsto all’articolo 3, comma 1-quinquies del decreto legislativo n. 502 del 1992.
Il Collegio sindacale è composto da cinque membri, di cui due nominati dalla Regione, uno dei quali con funzioni di presidente, ed uno nominato dalla Conferenza territoriale sociale e sanitaria. È assicurata allo Stato la possibilità di designare due componenti all’interno del Collegio sindacale.
Il presidente del Consiglio di indirizzo e verifica, di cui al decreto legislativo 16 ottobre 2003, n. 288 (Riordino della disciplina degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, a norma dell’articolo 42, comma 1 della Legge 16 gennaio 2003, n. 3), è nominato dal Presidente della Regione, d’intesa con lo Stato. L’Università partecipa al Consiglio di indirizzo e verifica degli IRCCS secondo i criteri stabiliti negli accordi integrativi del protocollo d’intesa di cui al comma 5 dell’articolo 9 della presente legge. È previsto un direttore scientifico, nominato dallo Stato d’intesa con la Regione.
4. Al fine di assicurare il coordinamento delle attività di ricerca corrente e finalizzata, nonché il collegamento con gli analoghi Istituti aventi sede in altre regioni, la Regione promuove l’auto coordinamento fra le Regioni e la collaborazione con lo Stato.
Art. 11 Promozione della ricerca e della formazione in sanità 1. Al fine di favorire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e la formazione continua del personale del Ssr, la Regione può promuovere, previe opportune intese con l’Università, forme di organizzazione che integrino le competenze scientifiche, tecniche e professionali presenti, anche attraverso l’istituzione di fondazioni per la promozione della ricerca e della formazione in sanità, cui possono partecipare, con propria determinazione, le Aziende sanitarie della provincia interessata.
2. Le risorse destinate a strutture, servizi ed interventi nell’ambito del Ssr da parte delle fondazioni di cui al decreto legislativo 17 maggio 1999, n. 153 (Disciplina civilistica e fiscale degli enti conferenti di cui all’articolo 11, comma 1, del decreto legislativo 20 novembre 1990, n.
356, e disciplina fiscale delle operazioni di ristrutturazione bancaria, a norma dell’articolo 1 della Legge 23 dicembre 1998, n. 461) sono deliberate secondo il principio della leale collaborazione, tenendo conto delle priorità e degli obiettivi determinati dalla programmazione regionale e locale.
Art. 12 Modifiche alla legge regionale 20 dicembre 1994, n. 50 1. L’articolo 25 della legge regionale 20 dicembre 1994, n. 50 (Norme in materia di programmazione, conta- 6 28-12-2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE PRIMA - N. 178 bilità, contratti e controllo delle Aziende unità sanitarie locali e delle Aziende ospedaliere) è abrogato.
2. L’articolo 37 della legge regionale n. 50 del 1994 è sostituito dal seguente:
«Art. 37 Il controllo regionale sugli atti delle Aziende sanitarie 1. Il controllo sugli atti delle Aziende sanitarie è esercitato dalla Giunta regionale ai sensi dell’articolo 4, comma 8, della legge 30 dicembre 1991, n. 412 (Disposizioni in materia di finanza pubblica).
2. Il termine di quaranta giorni per l’esercizio del controllo sugli atti delle Aziende sanitarie previsto dalla suddetta legge è interrotto qualora il direttore generale competente in materia di sanità richieda chiarimenti o elementi integrativi di giudizio.
3. Il termine per l’esercizio del controllo è sospeso dall’1 al 20 agosto e dal 24 dicembre al 6 gennaio.
4. L’Albo per la pubblicazione degli atti, istituito presso ogni Azienda sanitaria, è collocato nella sede dell’Azienda stessa, in luogo di transito o comunque agevolmente accessibile al pubblico negli orari di apertura degli uffici.
5. Gli atti adottati dai direttori generali delle Aziende sanitarie sono pubblicati mediante affissione, anche per estratto, all’Albo di cui al comma precedente per quindici giorni consecutivi. Tali atti diventano esecutivi dal giorno della loro pubblicazione.
6. Gli atti soggetti a controllo preventivo della Regione, ai sensi dell’articolo 4, comma 8, della Legge n. 412 del 1991 sono pubblicati in forma integrale contestualmente al loro invio al controllo. Nelle more del controllo regionale, ad essi non può essere data esecuzione.
7. La Giunta regionale nomina i commissari per l’adozione degli atti obbligatori per legge, in caso di ritardo od omissione da parte del direttore generale.
8. La nomina dei commissari avviene previa diffida a provvedere nel termine di trenta giorni, rimasta senza esito.».
3. Il comma 10 dell’articolo 4 della legge regionale n. 19 del 1994, come modificato dall’articolo 4 della legge regionale n. 11 del 2000, è abrogato.
4. Dopo l’articolo 43 della legge regionale n. 50 del 1994 è inserito il seguente articolo:
«Art. 43 bis Incompatibilità dei componenti del Collegio sindacale delle Aziende sanitarie 1. Non possono essere nominati sindaci-revisori e, se nominati, decadono dall’ufficio:
a) coloro che ricoprano l’ufficio di direttore generale, direttore sanitario, direttore amministrativo di Azienda sanitaria;
b) coloro che hanno ascendenti o discendenti, ovvero parenti od affini fino al secondo grado che nella Azienda sanitaria ricoprano l’ufficio di direttore generale, direttore sanitario, direttore amministrativo, oppure svolgano funzioni dirigenziali nell’Istituto di credito tesoriere dell’Azienda sanitaria;
c) i dipendenti dell’Azienda sanitaria;
d) i fornitori dell’Azienda sanitaria;
e) gli amministratori, i dipendenti ed, in generale, chi, a qualsiasi titolo, svolge in modo continuativo un’attività retribuita presso istituzioni sanitarie di carattere privato che abbiano rapporti convenzionali o contrattuali con l’Azienda sanitaria;
f) coloro che abbiano lite pendente per questioni attinenti all’attività dell’Azienda sanitaria, ovvero, avendo un debito liquido ed esigibile verso di essa, siano stati regolarmente costituiti in mora, ai sensi dell’articolo 1219 del Codice civile, oppure si trovino nelle condizioni di cui al comma 2 dello stesso articolo.».
Art. 13 Entrata in vigore 1. La presente legge è dichiarata urgente ai sensi e per gli effetti dell’articolo 31 dello Statuto ed entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.
La presente legge regionale sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione.
È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Emilia-Romagna.
Bologna, 23 dicembre 2004 VASCO ERRANI 28-12-2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE PRIMA - N. 178 7 LAVORI PREPARATORI Progetto di legge, d’iniziativa della Giunta regionale: deliberazione n. 334 del 23 febbraio 2004; oggetto consiliare n. 5373 (VII legislatura);
– pubblicato nel Supplemento Speciale del Bollettino ufficiale della Regione n. 286, in data 5 marzo 2004;
– assegnato alla IV Commissione consiliare permanente “Sanità e Politiche sociali” in sede referente.
Testo licenziato dalla Commissione referente con atto n. 5 del 6 dicembre 2004, con relazione scritta della consigliera Silvia Bartolini;
– approvato dal Consiglio regionale nella seduta del 22 dicembre 2004, atto n. 153/2004.
NOTE ALL’ART. 1 Comma 1 1) Il testo degli articoli 1 e 2 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833 concernenteIstituzione del Servizio sanitario nazionale è il seguente:
«Art. 1 – I principi La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività mediante il servizio sanitario nazionale.
La tutela della salute fisica e psichica deve avvenire nel rispetto della dignità e della libertà della persona umana.
Il servizio sanitario nazionale è costituito dal complesso delle funzioni, delle strutture, dei servizi e delle attività destinati alla promozione, al mantenimento ed al recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione senza distinzione di condizioni individuali o sociali e secondo modalità che assicurino l’eguaglianza dei cittadini nei confronti del servizio. L’attuazione del servizio sanitario nazionale compete allo Stato, alle regioni e agli enti locali territoriali, garantendo la partecipazione dei cittadini.
Nel servizio sanitario nazionale è assicurato il collegamento ed il coordinamento con le attività e con gli interventi di tutti gli altri organi, centri, istituzioni e servizi, che svolgono nel settore sociale attività comunque incidenti sullo stato di salute degli individui e della collettività.
Le associazioni di volontariato possono concorrere ai fini istituzionali del servizio sanitario nazionale nei modi e nelle forme stabiliti dalla presente legge.».
«Art. 2 – Gli obiettivi Il conseguimento delle finalità di cui al precedente articolo è assicurato mediante:
1) la formazione di una moderna coscienza sanitaria sulla base di un’adeguata educazione sanitaria del cittadino e delle comunità;
2) la prevenzione delle malattie e degli infortuni in ogni ambito di vita e di lavoro;
3) la diagnosi e la cura degli eventi morbosi quali che ne siano le cause, la fenomenologia e la durata;
4) la riabilitazione degli stati di invalidità e di inabilità somatica e psichica;
5) la promozione e la salvaguardia della salubrità e dell’igiene dell’ambiente naturale di vita e di lavoro;
6) l’igiene degli alimenti, delle bevande, dei prodotti e avanzi di origine animale per le implicazioni che attengono alla salute dell’uomo, nonché la prevenzione e la difesa sanitaria degli allevamenti animali ed il controllo della loro alimentazione integrata e medicata;
7) una disciplina della sperimentazione, produzione, immissione in commercio e distribuzione dei farmaci e dell’informazione scientifica sugli stessi diretta ad assicurare l’efficacia terapeutica, la non nocività e la economicità del prodotto;
8) la formazione professionale e permanente nonché l’aggiornamento scientifico culturale del personale del servizio sanitario nazionale.
Il servizio sanitario nazionale nell’ambito delle sue competenze persegue:
a) il superamento degli squilibri territoriali nelle condizioni socio-sanitarie del paese;
b) la sicurezza del lavoro, con la partecipazione dei lavoratori e delle loro organizzazioni, per prevenire ed eliminare condizioni pregiudizievoli alla salute e per garantire nelle fabbriche e negli altri luoghi di lavoro gli strumenti ed i servizi necessari;
c) le scelte responsabili e consapevoli di procreazione e la tutela della maternità e dell’infanzia, per assicurare la riduzione dei fattori di rischio connessi con la gravidanza e con il parto, le migliori condizioni di salute per la madre e la riduzione del tasso di patologia e di mortalità perinatale ed infantile;
d) la promozione della salute nell’età evolutiva, garantendo l’attuazione dei servizi medico-scolastici negli istituti di istruzione pubblica e privata di ogni ordine e grado, a partire dalla scuola materna, e favorendo con ogni mezzo l’integrazione dei soggetti handicappati;
e) la tutela sanitaria delle attività sportive;
f) la tutela della salute degli anziani, anche al fine di prevenire e di rimuovere le condizioni che possono concorrere alla loro emarginazione;
g) la tutela della salute mentale privilegiando il momento preventivo e inserendo i servizi psichiatrici nei servizi sanitari generali in modo da eliminare ogni forma di discriminazione e di segregazione pur nella specificità delle misure terapeutiche, e da favorire il recupero ed il reinserimento sociale dei disturbati psichici;
h) (Abrogato)».
2) Il testo dell’art. 1 del decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 concernente Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell’art.1 della Legge 23 ottobre 1992, n. 421, nel testo introdotto dall’art.1 del decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229 concernente Norme per la razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale, a norma dell’art. 1 della Legge 30 novembre 1998, n. 419, come modificato dall’articolo 1, comma 5, del decreto legge 18 settembre 2001 n.
347, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2001, n.405 concernente Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 18 settembre 2001, n. 347, recante interventi urgenti in materia di spesa sanitaria è il seguente:
«Art. 1 – Tutela del diritto alla salute, programmazione sanitaria e definizione dei livelli essenziali e uniformi di assistenz 1. La tutela della salute come diritto fondamentale dell’individuo ed interesse della collettività è garantita, nel rispetto della dignità e della libertà della persona umana, attraverso il Servizio sanitario nazionale, quale complesso delle funzioni e delle attività assistenziali dei Servizi sanitari regionali e delle altre funzioni e attività svolte dagli enti e istituzioni di rilievo nazionale, nell’ambito dei conferimenti previsti dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, nonché delle funzioni conservate allo Stato dal medesimo decreto.
2. Il Servizio sanitario nazionale assicura, attraverso le risorse finanziarie pubbliche individuate ai sensi del comma 3 e in coerenza con i principi e gli obiettivi indicati dagli articoli 1 e 2 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833, i livelli essenziali e uniformi di assistenza definiti dal Piano sanitario nazionale nel rispetto dei principi della dignità della persona umana, del bisogno di salute, dell’equità nell’accesso all’assistenza, della qualità delle cure e della loro appropriatezza riguardo alle specifiche esigenze, nonché dell’economicità nell’impiego delle risorse.
3. L’individuazione dei livelli essenziali e uniformi di assistenza assicurati dal Servizio sanitario nazionale, per il periodo di validità del Piano sanitario nazionale, è effettuata contestualmente all’individuazione delle risorse finanziarie destinate al Servizio sanitario nazionale, nel rispetto delle compatibilità finanziarie definite per l’intero sistema di finanza pubblica nel Documento di programmazione economico- finanziaria. Le prestazioni sanitarie comprese nei livelli essenziali di assistenza sono garantite dal Servizio sanitario nazionale a titolo gratuito o con partecipazione alla spesa, nelle forme e secondo le modalità previste dalla legislazione vigente.
4. Le regioni, singolarmente o attraverso strumenti di autocoordinamento, elaborano proposte per la predisposizione del Piano sanitario nazionale, con riferimento alle esigenze del livello territoriale considerato e alle funzioni interregionali da assicurare prioritariamente, anche sulla base delle indicazioni del Piano vigente e dei livelli essenziali di assistenza individuati in esso o negli atti che ne costituiscono attuazione.
Le regioni trasmettono al Ministro della sanità, entro il 31 marzo di ogni anno, la relazione annuale sullo stato di attuazione del piano sanitario regionale, sui risultati di gestione e sulla spesa prevista per l’anno successivo.
5. Il Governo, su proposta del Ministro della sanità, sentite le commissioni parlamentari competenti per la materia, le quali si esprimono entro trenta giorni dalla data di trasmissione dell’atto, nonché le confederazioni sindacali maggiormente rappresentative, le quali rendono il parere entro venti giorni, predispone il Piano sanitario nazionale, tenendo conto delle proposte trasmesse dalle regioni entro il 31 luglio dell’ultimo anno di vigenza del piano precedente, nel rispetto di quanto stabilito dal comma 4. Il Governo, ove si discosti dal parere delle commissioni parlamentari, è tenuto a motivare. Il piano è adottato ai sensi dell’articolo 1 della Legge 12 genaio 1991, n. 13, d’intesa con la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
6. I livelli essenziali di assistenza comprendono le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni relativi alle aree di offerta individuate dal Piano sanitario nazionale.
Tali livelli comprendono, per il 1998-2000:
a) l’assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro;
b) l’assistenza distrettuale;
c) l’assistenza ospedaliera.
7. Sono posti a carico del Servizio sanitario le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni sanitarie che presentano, per specifiche condizioni cliniche o di rischio, evidenze scientifiche di un significativo beneficio in termini di salute, a livello individuale o collettivo, a fronte delle risorse impiegate. Sono esclusi dai livelli di assistenza erogati a carico del Servizio sanitario nazionale le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni sanitarie che:
a) non rispondono a necessità assistenziali tutelate in base ai principi ispiratori del Servizio sanitario nazionale di cui al comma 2;
b) non soddisfano il principio dell’efficacia e dell’appropriatezza, ovvero la cui efficacia non è dimostrabile in base alle evidenze scientifiche disponibili o sono utilizzati per soggetti le cui condizioni cliniche non corrispondono alle indicazioni raccomandate;
c) in presenza di altre forme di assistenza volte a soddisfare le medesime esigenze, non soddisfano il principio dell’economicità nell’impiego delle risorse, ovvero non garantiscono un uso efficiente delle risorse quanto a modalità di organizzazione ed erogazione dell’assistenza.
8. Le prestazioni innovative per le quali non sono disponibili sufficienti e definitive evidenze scientifiche di efficacia possono essere erogate in strutture sanitarie accreditate dal Servizio sanitario nazionale esclusivamente nell’ambito di appositi programmi di sperimentazione autorizzati dal Ministero della sanità.
9. Il Piano sanitario nazionale ha durata triennale ed è adottato dal Governo entro il 30 novembre dell’ultimo anno di vigenza del Piano precedente. Il Piano sanitario nazionale può essere modificato nel corso del triennio con la procedura di cui al comma 5.
10. Il Piano sanitario nazionale indica:
a) aree prioritarie di intervento, anche ai fini di una progressiva riduzione delle diseguaglianze sociali e territoriali nei confronti della salute;
b) i livelli essenziali di assistenza sanitaria da assicurare per il triennio di validità del Piano;
c) la quota capitaria di finanziamento per ciascun anno di validità del Piano e la sua disaggregazione per livelli di assistenza;
d) gli indirizzi finalizzati a orientare il Servizio sanitario nazionale verso il miglioramento continuo della qualità dell’assistenza, anche attraverso la realizzazione di progetti di interesse sovra regionale;
e) i progetti-obiettivo, da realizzare anche mediante l’integrazione funzionale e operativa dei servizi sanitari e dei servizi socio-assistenziali degli enti locali;
f) le finalità generali e i settori principali della ricerca biomedica e sanitaria, prevedendo altresì il relativo programma di ricerca;
g) le esigenze relative alla formazione di base e gli indirizzi relativi alla formazione continua del personale, nonché al fabbisogno e alla valorizzazione delle risorse umane;
h) le linee guida e i relativi percorsi diagnostico-terapeutici allo scopo di favorire, all’interno di ciascuna struttura sanitaria, lo sviluppo di modalità sistematiche di revisione e valutazione della pratica clinica e assistenziale e di assicurare l’applicazione dei livelli essenziali di assistenza;
i) i criteri e gli indicatori per la verifica dei livelli di assistenza assicurati in rapporto a quelli previsti.
11. I progetti obiettivo previsti dal Piano sanitario nazionale sono adottati dal Ministro della sanità con decreto di natura non regolamentare, di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e con gli altri Ministri competenti per materia, d’intesa con la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
8 28-12-2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE PRIMA - N. 178 AVVERTENZA - IL TESTO VIENE PUBBLICATO CON L'AGGIUNTA DELLE NOTE REDATTE DAL SERVIZIOAFFARI LEGISLATIVI EQUALITÀ DELLA NORMAZIONE AL SOLO SCOPO DI FACILITARNE LA LETTURA. (Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 466 del 17 settembre 1985) NOTE
12. La Relazione sullo stato sanitario del Paese, predisposta annualmente dal Ministro della sanità:
a) illustra le condizioni di salute della popolazione presente sul territorio nazionale;
b) descrive le risorse impiegate e le attività svolte dal Servizio sanitario nazionale;
c) espone i risultati conseguiti rispetto agli obiettivi fissati dal Piano sanitario nazionale;
d) riferisce sui risultati conseguiti dalle regioni in riferimento all’attuazione dei piani sanitari regionali;
e) fornisce indicazioni per l’elaborazione delle politiche sanitarie e la programmazione degli interventi.
13. Il piano sanitario regionale rappresenta il piano strategico degli interventi per gli obiettivi di salute e il funzionamento dei servizi per soddisfare le esigenze specifiche della popolazione regionale anche in riferimento agli obiettivi del Piano sanitario nazionale. Le regioni, entro centocinquanta giorni dalla data di entrata in vigore del Piano sanitario nazionale, adottano o adeguano i Piani sanitari regionali, prevedendo forme di partecipazione delle autonomie locali, ai sensi dell’articolo 2, comma 2-bis, nonché delle formazioni sociali private non aventi scopo di lucro impegnate nel campo dell’assistenza sociale e sanitaria, delle organizzazioni sindacali degli operatori sanitari pubblici e privati e delle strutture private accreditate dal Servizio sanitario nazionale.
14. Le regioni e le province autonome trasmettono al Ministro della sanità i relativi schemi o progetti di piani sanitari allo scopo di acquisire il parere dello stesso per quanto attiene alla coerenza dei medesimi con gli indirizzi del Piano sanitario nazionale.
Il Ministro della sanità esprime il parere entro 30 giorni dalla data di trasmissione dell’atto, sentita l’Agenzia per i servizi sanitari regionali.
15. Il Ministro della sanità, avvalendosi dell’Agenzia per i servizi sanitari regionali, promuove forme di collaborazione e linee guida comuni in funzione dell’applicazione coordinata del Piano sanitario nazionale e della normativa di settore, salva l’autonoma determinazione regionale in ordine al loro recepimento.
16. La mancanza del Piano sanitario regionale non comporta l’inapplicabilità delle disposizioni del Piano sanitario nazionale.
17. Trascorso un anno dalla data di entrata in vigore del Piano sanitario nazionale senza che la regione abbia adottato il Piano sanitario regionale, alla regione non è consentito l’accreditamento di nuove strutture. Il Ministro della sanità, sentita la regione interessata, fissa un termine non inferiore a tre mesi per provvedervi. Decorso inutilmente tale termine, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della sanità, sentita l’Agenzia per i servizi sanitari regionali, d’intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome, adotta gli atti necessari per dare attuazione nella regione al Piano sanitario nazionale, anche mediante la nomina di commissari ad acta.
18. Le istituzioni e gli organismi a scopo non lucrativo concorrono, con le istituzioni pubbliche e quelle equiparate di cui all’articolo 4, comma 12, alla realizzazione dei doveri costituzionali di solidarietà, dando attuazione al pluralismo etico-culturale dei servizi alla persona. Esclusivamente ai fini del presente decreto sono da considerarsi a scopo non lucrativo le istituzioni che svolgono attività nel settore dell’assistenza sanitaria e socio-sanitaria, qualora ottemperino a quanto previsto dalle disposizioni di cui all’articolo 10, comma 1, lettere d), e), f), g), e h), e comma 6 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460; resta fermo quanto disposto dall’articolo 10, comma 7, del medesimo decreto. L’attribuzione della predetta qualifica non comporta il godimento dei benefìci fiscali previsti in favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale dal decreto legislativo 4 diembre 1997, n.
460.».
NOTE ALL’ART. 2 Comma 2 1) Il testo dell’art. 3 – septies del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 concernente Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell’art. 1 della Legge 23 ottobre 1992, n. 421 è il seguente:
«Art. 3 – Integrazione sociosanitaria 1. Si definiscono prestazioni sociosanitarie tutte le attività atte a soddisfare, mediante percorsi assistenziali integrati, bisogni di salute della persona che richiedono unitariamente prestazioni sanitarie e azioni di protezione sociale in grado di garantire, anche nel lungo periodo, la continuità tra le azioni di cura e quelle di riabilitazione.
2. Le prestazioni sociosanitarie comprendono:
a) prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, cioè le attività finalizzate alla promozione della salute, alla prevenzione, individuazione, rimozione e contenimento di esiti degenerativi o invalidanti di patologie congenite e acquisite;
b) prestazioni sociali a rilevanza sanitaria, cioè tutte le attività del sistema sociale che hanno l’obiettivo di supportare la persona in stato di bisogno, con problemi di disabilità o di emarginazione condizionanti lo stato di salute.
3. L’atto di indirizzo e coordinamento di cui all’articolo 2, comma 1, lettera n), della Legge 30 novembre 1998, n. 419, da emanarsi, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, su proposta del Ministro della sanità e del Ministro per la solidarietà sociale, individua, sulla base dei principi e criteri direttivi di cui al presente articolo, le prestazioni da ricondurre alle tipologie di cui al comma 2, lettere a) e b), precisando i criteri di finanziamento delle stesse per quanto compete alle unità sanitarie locali e ai comuni. Con il medesimo atto sono individuate le prestazioni sociosanitarie a elevata integrazione sanitaria di cui al comma 4 e alle quali si applica il comma 5, e definiti i livelli uniformi di assistenza per le prestazioni sociali a rilievo sanitario.
4. Le prestazioni sociosanitarie a elevata integrazione sanitaria sono caratterizzate da particolare rilevanza terapeutica e intensità della componente sanitaria e attengono prevalentemente alle aree materno-infantile, anziani, handicap, patologie psichiatriche e dipendenze da droga, alcool e farmaci, patologie per infezioni da HIV e patologie in fase terminale, inabilità o disabilità conseguenti a patologie cronico-degenerative.
5. Le prestazioni sociosanitarie a elevata integrazione sanitaria sono assicurate dalle aziende sanitarie e comprese nei livelli essenziali di assistenza sanitaria, secondo le modalità individuate dalla vigente normativa e dai piani nazionali e regionali, nonché dai progetti-obiettivo nazionali e regionali.
6. Le prestazioni sociali a rilevanza sanitaria sono di competenza dei Comuni che provvedono al loro finanziamento negli ambiti previsti dalla legge regionale ai sensi dell’articolo 3, comma 2, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112. La regione determina, sulla base dei criteri posti dall’atto di indirizzo e coordinamento di cui al comma 3, il finanziamento per le prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, sulla base di quote capitarie correlate ai livelli essenziali di assistenza.
7. Con decreto interministeriale, di concerto tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e il Ministro per la funzione pubblica, è individuata all’interno della Carta dei servizi una sezione dedicata agli interventi e ai servizi sociosanitari.
8. Fermo restando quanto previsto dal comma 5 e dall’articolo 3-quinquies, comma 1, lettera c), le regioni disciplinano i criteri e le modalità mediante i quali comuni e aziende sanitarie garantiscono l’integrazione, su base distrettuale, delle prestazioni sociosanitarie di rispettiva competenza, individuando gli strumenti e gli atti per garantire la gestione integrata dei processi assistenziali sociosanitari.».
2) La legge regionale 12 marzo 2003, n. 2 concerne Norme per la promozione della cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali.
3) La Legge 13 maggio 1978, n. 180 concerne Accertamenti e trattamenti sanitari volonatri e obbligatori.
Comma 3 4) La legge regionale 12 ottobre 1998, n. 34 concerne Norme in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private in attuazione del DPR 14 gennaio 1997».
5) La legge regionale 12 maggio 1994, n. 19 concerneNorme per il riordino del Servizio sanitario regionale ai sensi del DLgs 30 dicembre 1992, n. 502, modificato dal decreto legislativo 7 dicembre 1993, n. 517.
NOTE ALL’ART. 3 Comma 1 1) La legge regionale 12 maggio 1994, n. 19 è citata alla nota 5 all’articolo 2.
Comma 4 2) Il testo dell’art. 4 della legge regionale 12 maggio 1994, n. 19 concernente Norme per il riordino del Servizio sanitario regionale ai sensi del DLgs 30 dicembre 1992, n. 502, modificato dal decreto legislativo 7 dicembre 1993, n. 517, come modificato dall’articolo 4 della legge regionale 25 febbraio 2000, n. 11 concernente Modifiche della L.R. 12 maggio 1994, n. 19 «Norme per il riordino del servizio sanitario regionale al sensi del DLgs 30 dicembre 1992, n. 502, modificato dal DLgs 7 dicembre 1993, n. 517» e della L.R. 20 dicembre 1994, n. 50 «Norme in materia di programmazione, contabilità, contratti e controllo delle aziende Unità sanitarie locali e delle aziende ospedaliere» al sensi del DLgs 19 giugno 1999, n. 229 è il seguente:
«Art. 4 – Istituzione delle Aziende-USL 1. In ciascuno degli àmbiti territoriali determinati ai sensi dell’art. 3 è istituita l’Azienda-Unità sanitaria locale.
2. Le Unità sanitarie locali esistenti all’entrata in vigore della presente legge sono soppresse dalla data di insediamento dei direttori generali delle Aziende di cui al comma 1.
pubblicato il 28/09/2005

Preambolo
Art. 1 Art. 2 Art. 3 Allegato — Tabella XVIII-bis Preambolo
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Veduto il testo unico delle leggi sull'istruzione superiore, approvato con regio decreto 31 agosto 1933, n. 1592;
Veduto il regio decreto-legge 20 giugno 1935, n. 1071, convertito nella legge 2 gennaio 1936, n. 73;
Veduto il regio decreto 30 settembre 1938, n. 1652, e successive modificazioni;
Veduta la legge 11 aprile 1953, n. 312;
Riconosciuta la necessità di adeguare l'ordinamento degli studi alla normativa C.E.E.;
Sentito anche il parere del Consiglio universitario nazionale;
Sulla proposta del Ministro della pubblica istruzione;
Decreta:
Art. 1 Presso la facoltà di medicina e chirurgia può essere istituito il corso di laurea in odontoiatria e protesi dentaria.
Il titolo di studio per l'ammissione al predetto corso di laurea, le modalità di ammissione, la durata e l'ordinamento del corso medesimo sono stabiliti dalla tabella, annessa al presente decreto, firmata, d'ordine nostro, dal Ministro della pubblica istruzione (allegato).
Art. 2 All'elenco delle lauree e dei diplomi, di cui alla tabella I, annessa al regio decreto 30 settembre 1938, n. 1652, è aggiunta la "laurea in odontoiatria e protesi dentaria".
La tabella II, annessa al citato regio decreto n. 1652, è integrata nel senso che la facoltà di medicina e chirurgia rilascia anche la "laurea in odontoiatria e protesi dentaria".
Dopo la tabella XVIII, annessa al citato regio decreto n. 1652, è inserita la tabella allegata al presente decreto, che assume il numero XVIII-bis.
Art. 3 1/4 La Legge Il corso di laurea in odontoiatria e protesi dentaria comincerà a funzionare a decorrere dall'anno accademico 1980-81 con il primo ed il secondo anno di corso. Negli anni accademici successivi funzioneranno progressivamente gli anni di corso susseguenti al secondo.
La laurea in odontoiatria e protesi dentaria non potrà comunque essere rilasciata prima della fine dell'anno accademico 1983-84.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
Allegato — Tabella XVIII-bis Laurea in odontoiatria e protesi dentaria Durata del corso di studi: cinque anni, suddivisi in un biennio ed un triennio.
Titolo di ammissione: quello consentito dalle vigenti disposizioni di legge.
Ammissione al corso: Nel far luogo all'istituzione del corso di laurea si deve tener conto delle strutture disponibili (cliniche e didattiche) per la determinazione del numero e delle modalità di accesso degli studenti.
Le relative decisioni dovranno essere sottoposte al parere vincolante del Consiglio universitario nazionale.
Insegnamenti fondamentali Biennio:
1) anestesia generale e speciale odontostomatologica (semestrale);
* 2) biologia generale applicata agli studi medici;
* 3) chimica;
* 4) chimica biologica;
5) farmacologia (semestrale);
* 6) fisica medica;
7) fisiologia umana e dell'apparato stomatognatico;
8) igiene e odontoiatria preventiva e sociale con epidemiologia (semestrale);
9) istituzioni di anatomia umana normale e dell'apparato stomatognatico;
10) istituzioni di anatomia ed istologia patologica;
* 11) istologia ed embriologia generale (compresa la citologia);
12) materiali dentari;
13) microbiologia (semestrale);
14) odontoiatria conservatrice (triennale - 2°, 3° e 4° anno);
15) patologia generale.
Triennio:
16) chirurgia speciale odontostomatologica (biennale - 3° e 4° anno);
17) clinica odontostomatologica (biennale - 4° e 5° anno);
18) medicina legale e delle assicurazioni e deontologia in odontostomatologia (semestrale);
19) neuropatologia e psicopatologia (semestrale);
20) ortognatodonzia e gnatologia (funzione masticatoria) (biennale - 4° e 5° anno);
21) parodontologia (biennale - 4° e 5° anno);
22) patologia speciale chirurgica e propedeutica clinica;
2/4 La Legge 23) patologia speciale medica e metodologia clinica (compresa la pediatria);
24) patologia speciale odontostomatologica;
25) pedodonzia (semestrale);
26) protesi dentaria (triennale - 3°, 4° e 5° anno);
27) radiologia generale e speciale odontostomatologica (semestrale).
Insegnamenti complementari * 1) chirurgia maxillo-facciale;
* 2) dermatologia e venerologia (semestrale);
* 3) otorinolaringoiatria (semestrale);
* 4) statistica sanitaria;
altri insegnamenti complementari nel piano della facoltà sempre mutuati dal corso di laurea in medicina e chirurgia.
Gli insegnamenti segnati con asterisco sono mutuati dal corso di laurea in medicina e chirurgia.
Gli insegnamenti fondamentali sono teorici e pratici e la loro frequenza è obbligatoria.
Gli insegnamenti specificatamente odontostomatologici di ordine clinico comportano anche un tirocinio pratico continuativo da espletare prima di sostenere i relativi esami.
Gli allievi, che non conseguono le attestazioni di frequenza, non possono essere ammessi a sostenere le relative prove di esame.
Il tirocinio pratico, relativo ad ogni insegnamento clinico, deve prevedere da parte di componenti dell'organico, una assistenza didattica adeguata al numero degli studenti.
Per essere ammesso a sostenere l'esame di laurea in odontoiatria e protesi dentaria, lo studente deve aver seguito i corsi ed aver superato gli esami in tutti gli insegnamenti fondamentali ed almeno in due insegnamenti scelti tra i complementari ed aver, inoltre, seguito le prescritte esercitazioni cliniche, i tirocini pratici ed averne conseguito le relative attestazioni.
L'esame di laurea consiste nella discussione di una tesi scritta su argomenti di odontostomatologia da richiedere almeno all'inizio dell'ultimo anno di corso.
Per il trasferimento degli studenti iscritti al corso di laurea in medicina e chirurgia le abbreviazioni di corso non possono superare l'ammissione oltre il secondo anno, subordinatamente al numero di posti resisi disponibili all'inizio del secondo anno sempre che gli aspiranti abbiano superato gli esami di Non si può essere ammessi a Se non si è superato l'esame di:
sostenere l'esame di:
fisiologia umana e dell'apparato istituzioni di anatomia umana normale e stomatognatico; dell'apparato stomatognatico;
patologia generale; chimica;
biologia generale applicata agli studi medici;
fisica medica;
patologia speciale medica e metodologia fisiologia umana e dell'apparato clinica (compresa la pediatria); stomatognatico;
patologia speciale chirurgica e patologia generale;
propedeutica clinica; patologia speciale medica e metodologia clinica (compresa la pediatria);
patologia speciale chirurgica e propedeutica clinica;
clinica odontostomatologica. istituzioni di anatomia ed istologia patologica;
patologia speciale odontostomatologica;
chirurgia speciale odontostomatologica.
3/4 La Legge biologia generale applicata agli studi medici, chimica, fisica medica, istologia ed embriologia generale (compresa la citologia).
Per i laureati in medicina e chirurgia le abbreviazioni di corso potranno essere concesse, sempre con iscrizione al secondo anno, subordinatamente al numero di posti resisi disponibili all'inizio del secondo anno e dopo che sia trascorso un anno accademico dal conseguimento della laurea precedente.
Per esercitare la professione i laureati in odontoiatria e protesi dentaria devono superare un apposito esame di Stato.
4/4 La Legge
pubblicato il 12/09/2005

A seguito di queste novità, e delle connesse difficoltà interpretative e applicative segnalate dai medici, è stato istituito un gruppo di lavoro multidisciplinare per chiarire le problematiche insorte nella prescrizione delle statine in regime di SSN.
In particolare si è ritenuto di esaminare alcuni quesiti e contesti critici, emersi nell’ambito della medicina generale, con l’obiettivo di formulare delle linee di indirizzo, da adottarsi a livello regionale, di facile impiego per i medici di famiglia.
Il gruppo di lavoro, coordinato da un medico di medicina generale e composto da cardiologi, lipidologi, geriatri, endocrinologi, medici di direzione sanitaria, epidemiologi e farmacisti, ha esaminato le criticità segnalate riconducendo i quesiti posti a possibili scenari clinici.?Si allega pertanto il documento “Criteri di interpretazione della nota AIFA n.13”, approvato dalla Commissione regionale del Farmaco (CRF) nella seduta del 21 maggio 2005.
Tenuto conto del limitato numero di centri operanti nel territorio regionale per la diagnosi di alcune forme di dislipidemie familiari, e quindi dei possibili tempi prolungati per la definizione di una diagnosi certa, si ritiene possibile la prescrizione in regime di SSN dei farmaci di cui alla nota 13, in favore dei pazienti ai quali viene formulata un’ipotesi diagnostica di dislipidemia familiare, anche nel periodo che precede la conclusione del necessario iter diagnostico.
Si ricorda che il Piano Nazionale della Prevenzione per il triennio 2005-2007, incluso nell’Intesa Stato, Regioni e Province autonome del 23 marzo 2005, ha tra i propri campi d’azione anche la prevenzione della patologia cardiovascolare. Considerato che in questo ambito si inserisce il progetto ministeriale specifico, previsto nell’Intesa di cui sopra, che propone la diffusione delle carte del rischio cardiovascolare le Aziende sanitarie attiveranno, entro il 2005, programmi di formazione, rivolti ai medici, in tema di applicazione nella pratica clinica della nota AIFA n. 13 e di identificazione del rischio cardiovascolare globale attraverso l’impiego delle carte del rischio.
Si prega di rendere disponibile il documento a tutti i medici di medicinale generale, pediatri di libera scelta e a tutti gli specialisti coinvolti nella prevenzione cardiovascolare.
pubblicato il 15/06/2005

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Premesso:
- che con propria deliberazione n. 327 del 23 febbraio 2004 avente ad oggetto: “Applicazione della L.R. n.34/98 in materia di autorizzazione e di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie e dei professionisti alla luce dell’evoluzione del quadro normativo nazionale. Revoca di precedenti provvedimenti” ha, tra l’altro, ai punti 1.5 e 1.6 del dispositivo, provveduto a dare attuazione alla norma di cui al secondo comma dell’articolo 8 ter del DLgs.n.502/92 e successive modificazioni ed integrazioni circa la necessità di autorizzazione all'esercizio di attività sanitarie anche “per gli studi odontoiatrici, medici e di altre professioni sanitarie ove attrezzati per erogare prestazioni di chirurgia ambulatoriale, ovvero procedure diagnostiche e terapeutiche di particolare complessità o che comportino un rischio per la sicurezza del paziente” stabilendo che i professionisti titolari degli studi di cui trattasi alla data di adozione del provvedimento stesso, debbano avanzare domanda di autorizzazione al Comune competente per territorio entro 180 giorni dalla medesima data;
- che con successiva propria deliberazione 7 giugno 2004, n.
1099 si è provveduto al differimento al 31.12.2004 della data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di autorizzazione da parte dei suddetti professionisti;
Valutato che la rilevante complessità e novità degli adempimenti cui i soggetti interessati devono dar corso, motivino l’opportunità di estrapolare dalla citata deliberazione n. 327/04, riguardante la generalità delle strutture sanitarie soggette ad autorizzazione, le tematiche specifiche concernenti l’autorizzazione degli studi odontoiatrici, raccogliendole in un unico provvedimento di carattere ricognitivo che, tenendo conto della peculiarità 2
della categoria degli studi stessi, consenta una sistematizzazione chiara ed esaustiva dei requisiti necessari per l’esercizio e del relativo iter amministrativo;
Puntualizzato che i requisiti e gli aspetti affrontati nel provvedimento ricognitivo di cui al punto precedente riguardano esclusivamente l’espletamento dell’attività in studi odontoiatrici singoli o associati e che, di conseguenza, qualora la stessa venga svolta in sedi rientranti nella categoria degli ambulatori monospecialistici o in quella dei poliambulatori i requisiti a cui fare riferimento sono quelli previsti dall’allegato n.
1 della citata deliberazione n. 327/04, per cui, con il presente provvedimento, la dizione “Ambulatorio/studio odontoiatrico” di cui all’allegato medesimo (AOAU) è da intendersi modificata in “Ambulatorio odontoiatrico”;
Rilevato:
− che la previsione di cui al secondo comma dell’art. 8 ter della D.lgs. n. 502/92 e successive modificazioni ed integrazioni circa la necessità di autorizzazione all’esercizio degli studi odontoiatrici comporti, anche a fini di omogeneità con quanto effettuato con la richiamata deliberazione n. 327/04 per le strutture storicamente assoggettate al regime di autorizzazione, la correlazione di tale previsione normativa a quella di cui al primo comma del medesimo art. 8 ter circa una diversificazione di taluni elementi del sistema autorizzatorio, a seconda che lo stesso sia riferito a nuove strutture o a strutture già esistenti;
− che, tuttavia, a differenza di quanto stabilito per la generalità delle strutture sanitarie con la più volte citata deliberazione n. 327/04, la data di passaggio dal vecchio al nuovo regime non possa essere riferita alla data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 229/99 ma ad una data comunque successiva a quella di recepimento e regolamentazione regionale della materia;
− che, a modificazione ed integrazione di quanto stabilito al punto 1.6 del dispositivo della deliberazione n. 327/04, per i motivi detti, la data entro cui i titolari degli studi già in esercizio 3
devono inoltrare domanda di autorizzazione al Comune competente per territorio debba essere quella di produzione della domanda stessa da parte del professionista e comunque non successiva al termine massimo previsto al paragrafo seguente;
Considerato che la ricognizione e la sistematizzazione dei requisiti degli studi odontoiatrici effettuata con il presente provvedimento comporti l’opportunità di individuare un lasso temporale sufficiente a consentire sia ai professionisti che ai Comuni ed alle Commissioni L.R. 34/98 dei Dipartimenti di Sanità Pubblica delle Aziende USL regionali una omogenea e puntuale valutazione della portata delle innovazioni introdotte, per cui si ritiene opportuno procrastinare ulteriormente il termine di presentazione della domanda di autorizzazione all’esercizio, già differito al 31.12.2004 con propria deliberazione n. 1099/04, fino al 22 febbraio 2005, coincidente con un anno dall’adozione della richiamata deliberazione n. 327/04;
Ritenuto, quale conseguenza di quanto prima esplicitato, che mentre gli studi odontoiatrici attivati successivamente alla data del 22 febbraio 2005 dovranno essere in possesso di tutti i requisiti (strutturali, impiantistici, tecnologici ed organizzativi) stabiliti dalla più volte richiamata deliberazione n. 327/04, così come meglio specificati ed integrati dall’allegato n. 1 al presente provvedimento, quelli già esistenti alla data di presentazione della domanda potranno, fermo restando il possesso dei requisiti impiantistici, tecnologici ed organizzativi, fruire delle particolari deroghe di natura strutturale previste dal medesimo allegato n. 1 fino al verificarsi di uno degli eventi previsti dall’art. 8 ter, primo comma del D.Lgs. n. 502/92 e successive modificazioni ed integrazioni, nei termini illustrati al punto 1.4 del dispositivo della richiamata deliberazione n. 327/04;
Valutato tuttavia che la natura monospecialistica dello studio odontoiatrico, singolo o associato, consenta di attribuire rilevanza, tra gli eventi richiamati al punto precedente, alla sola ipotesi dell’ampliamento di natura edilizia, per cui al verificarsi di tale evento, lo studio medesimo, singolo o associato, dovrà dimostrare di essere in possesso anche dei requisiti edilizi prima derogati, con la puntualizzazione che eventuali modificazioni soggettive circa la titolarità dello studio, nel frattempo intervenute, non rientrano nella casistica prima evidenziata;
4
Ritenuto opportuno, al fine di evitare disparità di trattamento con le altre categorie di studi professionali soggetti di autorizzazione di cui al punto 1.5 del dispositivo della più volte richiamata deliberazione n.
327/04, di procrastinare alla medesima data del 22 febbraio 2005 anche la scadenza delle domande di autorizzazione all’esercizio delle altre categorie di studi professionali soggetti ad autorizzazione;
Dato atto del parere di regolarità amministrativa espresso dal Direttore Generale Sanità e Politiche Sociali, dott.
Franco Rossi, ai sensi dell'art. 37, quarto comma, della L.R. n. 43/2001 e della propria deliberazione n. 447/2003;
Acquisito il parere favorevole della Commissione consiliare “Sanità e Politiche Sociali” espresso nella seduta del 1 dicembre 2004;
su proposta dell’Assessore alla Sanità a voti unanimi e palesi D E L I B E R A 1. di approvare, a modificazione ed integrazione dell’allegato n. 1 alla propria deliberazione n.
327/04, quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, l’allegato n. 1 concernente l’elencazione dei requisiti generali e specifici per l’autorizzazione all’esercizio dell’attività da parte degli studi odontoiatrici singoli o associati e l’allegato n. 2 riguardante le problematiche circa l’autorizzazione all’esercizio da parte degli studi stessi;
2. di dare atto che la dizione “Ambulatorio/studio odontoiatrico” (AOAU) di cui all’allegato n. 1 alla deliberazione n, 327/04 è da intendersi modificata in “Ambulatorio odontoiatrico”;
3. di prorogare al 22 febbraio 2005 il termine di scadenza per la presentazione delle domande di autorizzazione al funzionamento da parte degli studi odontoiatrici e delle altre categorie di studi professionali soggetti ad autorizzazione, modificando quanto disposto con propria deliberazione 7 giugno 2004, n. 1099;
5
4. a modificazione di quanto previsto al punto 1.6 del dispositivo della propria deliberazione n. 327/04, quali studi odontoiatrici esistenti, singoli o associati, vanno intesi quelli che, successivamente alla data di adozione della richiamata deliberazione e comunque entro il 22 febbraio 2005, abbiano dato corso all’avvio del procedimento amministrativo per il rilascio dell’autorizzazione all’esercizio;
5. di stabilire che gli studi odontoiatrici attivati successivamente alla data di cui al precedente punto 3.
dovranno essere in possesso di tutti i requisiti (strutturali, impiantistici, tecnologici ed organizzativi) di cui al precedente punto 1), non potendo usufruire delle deroghe esplicitamente previste dall’allegato stesso;
6. di stabilire che gli studi odontoiatrici già esistenti alla data di presentazione della domanda potranno, fermo restando il possesso dei requisiti impiantistici, tecnologici ed organizzativi, fruire delle particolari deroghe di natura strutturale previste dal medesimo allegato n. 1 fino al verificarsi di uno degli eventi di cui all’art. 8 ter, primo comma del D.Lgs. n. 502/92 e successive modificazioni ed integrazioni, limitatamente alla sola ipotesi dell’ampliamento di natura edilizia. Pertanto, al verificarsi di tale evento, lo studio medesimo dovrà dimostrare di essere in possesso anche dei requisiti edilizi prima derogati.
Eventuali modificazioni soggettive circa la titolarità dello studio, nel frattempo intervenute, non rientrano nella casistica prima evidenziata;
7. di pubblicare la presente deliberazione ed il relativo allegato nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia- Romagna.
- - - 6
Allegato n. 1 REQUISITI GENERALI E SPECIFICI PER L’AUTORIZZAZIONE ALL’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DA PARTE DEGLI STUDI ODONTOIATRICI SINGOLI O ASSOCIATI N.B.: Per motivi di opportunità, per ciascun requisito (generale e specifico) si mantiene la numerazione attribuita allo stesso dall’allegato n. 1 alla deliberazione di Giunta regionale n. 327/04 REQUISITI GENERALI DEGLI STUDI ODONTOIATRICI SINGOLI O ASSOCIATI CODICE REQUISITO NOTE 4. Struttura RGAU 4 Negli ambienti dove soggiornano o accedono i pazienti e negli ambienti di lavoro devono essere assicurati adeguati livelli di comfort ambientale. Le superfici ambientali devono possedere caratteristiche tali (esempio tipo di materiale), da permettere i processi di pulizia e disinfezione, in modo da ridurre la carica microbica presente e rendere gli ambienti igienicamente confortevoli Impianti RGAU 4.1 Tutti i locali adibiti ad attività sanitaria devono essere classificati ai fini degli impianti elettrici secondo la norma CEI 64-8/7 e i successivi aggiornamenti
RGAU 4.2 Gli impianti a servizio dei locali adibiti ad attività sanitarie devono essere verificati secondo la periodicità prevista da norme di buona tecnica (es. Norme CEI ) 5.Attrezzature e dispositivi medici RGAU 5 Devono essere effettuati i collaudi di accettazione per le apparecchiature biomediche N.B. I controlli (collaudi di accettazione) devono essere effettuati sulle apparecchiature di nuova acquisizione Con evidenze di:
- documentazione relativa alla verifica della corretta installazione dell'apparecchiatura e del rispetto delle norme di sicurezza;
- documentazione relativa all'effettuazione delle prove di accettazione e di funzionamento per le apparecchiature biomediche;
- documentazione attestante il giudizio di idoneità all'uso clinico delle attrezzature che impiegano radiazioni ionizzanti.
7
RGAU 5.1 Le apparecchiature devono essere corredate della documentazione prevista dalla legge (libretti autoclavi, manuali d'uso, etc.) 6.Formazione RGAU 6.1 Devono essere effettuate attività di formazione ai sensi della normativa vigente in materia di sicurezza e igiene del lavoro 8. Procedure generali RGAU 8.8 Procedure/istruzioni operative per assicurare la prevenzione e il controllo delle infezioni:
- lavaggio delle mani (lavaggio sociale, antisettico e chirurgico) Formulate secondo i principi dell'EBM e periodicamente aggiornate.
RGAU 8.9 - decontaminazione, pulizia, disinfezione e sterilizzazione dei dispositivi medici riutilizzabili
Formulate secondo i principi dell'EBM e periodicamente aggiornate.
RGAU 8.10 - decontaminazione e pulizia ambientale in base all'area a basso, medio ed alto rischio Formulate secondo i principi dell'EBM e periodicamente aggiornate.
RGAU 8.11 - antisepsi, disinfezione, sterilizzazione Formulate secondo i principi dell'EBM e periodicamente aggiornate.
RGAU 8.12 - smaltimento di tutti i rifiuti secondo la normativa vigente RGAU 8.14 - precauzioni universali o standard Formulate secondo i principi dell'EBM e periodicamente aggiornate.
RGAU 8.15 - precauzioni atte ad evitare la trasmissione di microrganismi per contatto, per via aerea e tramite goccioline di "droplet " (precauzioni di isolamento).
Formulate secondo i principi dell'EBM e periodicamente aggiornate.
RGAU 8.16 - gestione dei dispositivi di protezione per il personale sanitario Formulate secondo i principi dell'EBM e periodicamente aggiornate.
RGAU 8.17 - gestione del Rischio biologico occupazionale Formulate secondo i principi dell'EBM e periodicamente aggiornate.
RGAU 8.18 - precauzioni per ridurre il rischio di infezione nella esecuzione delle specifiche procedure invasive effettuate Formulate secondo i principi dell'EBM e periodicamente aggiornate.
RGAU 8.19 - gestione farmaci: procedure di conservazione e controllo scadenze RGAU 8.20 - prelievo, conservazione, trasporto dei materiali biologici da sottoporre ad accertamento
RGAU 8.22 Deve essere prevista una procedura (comprensiva di strumenti, presidi, farmaci, ecc.) per assicurare, in funzione della tipologia 8
della struttura, la gestione dell'emergenza RGAU 8.23 Deve essere prevista una procedura che garantisca la rintracciabilità dei materiali impiantabili
9
REQUISITI SPECIFICI DEGLI STUDI ODONTOIATRICI SINGOLI O ASSOCIATI CODICE REQUISITO NOTE 1. Requisiti strutturali SOAU 1 Locale operativo, provvisto di riunito odontoriatrico, riservato esclusivamente all'espletamento di attività odontoiatrica , avente dimensione non inferiore a 12 mq e dotato di lavabo
N.B. :
1) Il locale operativo, se di dimensioni adeguate, può essere articolato in più box con pareti fisse/mobili, anche non a tutta altezza, ma comunque idonei a garantire la privacy del paziente. I box devono avere dimensioni minime di 9 mq.; eventuali deroghe, valutate in relazione alla planimetria del box e al layout degli arredi, devono comunque tenere conto della necessità di assicurare spazi tali da garantire la sicurezza e la razionalità degli interventi
2) Ciascun locale operativo/box può contenere un solo riunito, con esclusione dei locali riservati esclusivamente all’esercizio dell’attività di ortodonzia, per i quali è possibile, compatibilmente con gli spazi disponibili e nella salvaguardia della privacy dei pazienti, la presenza di un numero superiore di apposite poltrone. L’attività di ortodonzia stessa non deve comportare manovre cruente Caratteristiche del lavabo: il rubinetto deve essere attivato a pedale, a fotocellula, a leva.
Attrezzato con dispensatore di sapone e/o detergente antisettico e con salviette monouso
Deroghe per gli studi esistenti:
Per gli studi in attività alla data di presentazione della domanda di autorizzazione e comunque prodotta entro il 22.2.2005, la superficie del locale operativo nel quale viene erogata la prestazione può essere inferiore a 12 mq. ma, comunque, non inferiore a 9 mq.
SOAU 1.1 Spazio separato di almeno 4 mq., aggiuntivo rispetto ai 12 mq., (9mq) o in alternativa locale di almeno 4 mq. da utilizzare per la decontaminazione, pulizia, disinfezione, sterilizzazione dei dispositivi medici. La sterilizzazione può essere data in gestione esterna purchè siano soddisfatti i requisiti di legge N.B.:
All’interno di ciascun locale operativo deve essere comunque possibile effettuare la decontaminazione preliminare o la messa in sicurezza degli strumenti contaminati.
Deroghe per gli studi esistenti:
Per gli studi in attività alla data di cui al punto precedente la superficie di 4 mq. può 10
Per spazio separato si intende un’area, anche fisicamente non isolata, ricavata all’interno del locale operativo o in altro locale idoneo.
essere articolata anche in più spazi separati purchè all’interno di ciascun locale operativo sia possibile effettuare la decontaminazione preliminare o la messa in sicurezza degli strumenti contaminati.
SOAU 1.2 Qualora l'attività venga espletata in ulteriori locali, questi ultimi, debbono avere una superficie non inferiore a 9 mq. e possedere tutte le caratteristiche previste per il locale operativo SOAU 1.3 I locali operativi devono essere dotati di pavimenti lavabili, pareti lavabili per un'altezza non inferiore a 2 mt.
SOAU 1.4 Locale/spazio per attività amministrative, accettazione, archivio N.B. Il locale/spazio può essere comune con quello riservato all’attesa SOAU 1.5 Locale/spazio per attesa adeguatamente arredato, con numero di posti a sedere commisurato ai volumi di attività N.B. Il locale/spazio può essere comune con quello dedicato alle attività amministrative SOAU 1.6 Servizio/i igienico/i per gli utenti SOAU 1.7 Servizio igienico per il personale Deroghe per gli studi esistenti:
Negli studi già in attività il servizio igienico può essere comune utenti/personale SOAU 1.8 Spazio/locale da adibire a spogliatoio del personale
SOAU 1.9 Locale/spazio per deposito materiale pulito che può essere stoccato in un armadio, qualora non sia presente in elevate quantità SOAU 1.10 Locale/spazio per deposito materiale sporco e materiale di pulizia SOAU 1.11 Locale/spazio o armadio per deposito materiale d'uso, attrezzature, strumentazioni, a seconda della quantità
2. Requisiti SOAU 2 L'ambulatorio deve essere dotato di nodo 11
impiantistici equipotenziale ed interruttore differenziale con "In" inferiore o uguale a 30 mA 3. Requisiti tecnologici AOAU 3 Arredi lavabili, idonei all'attività svolta AOAU 3.1 Armadio farmaci AOAU 3.2 Il numero delle poltrone odontoiatriche e la dotazione tecnologica debbono essere adeguate alla tipologia e quantità delle prestazioni erogate 12
Allegato n. 2 PROBLEMATICHE RELATIVE ALL’AUTORIZZAZIONE ALL’ESERCIZIO DEGLI STUDI ODONTOIATRICI
DIFFERENZE CONCETTUALI TRA STUDIO E AMBULATORIO Per studio odontoiatrico si intende l’ambiente privato e personale in cui l’odontoiatra esercita la propria libera attività professionale, in forma singola o associata, a favore dei clienti.
Ai sensi dell’art. 2232 del Codice Civile “Il prestatore d'opera deve eseguire personalmente l'incarico assunto. Può tuttavia valersi, sotto la propria direzione e responsabilità, di sostituti e ausiliari, se la collaborazione di altri è consentita dal contratto o dagli usi e non è incompatibile con l'oggetto della prestazione”. Tale norma consente all’odontoiatra di avvalersi, sotto la propria responsabilità, della collaborazione di colleghi particolarmente esperti in specifici settori (implantologia, ortodonzia, ecc.) senza che ciò configuri la trasformazione di studio in ambulatorio.
Diverso è il caso della presenza, nel medesimo contesto, di un laboratorio odontotecnico. Tale situazione comporta, necessariamente, l’autorizzazione della struttura come ambulatorio, fermo restando che il laboratorio può operare esclusivamente per l’ambulatorio e non deve essere dotato di accesso indipendente.
A differenza di quanto previsto per gli ambulatori, lo studio non assume rilevanza autonoma, in quanto la sua funzione strumentale rispetto al professionista lo lega inscindibilmente allo stesso e alle sue vicende personali. Questa modalità di esercizio è stata tradizionalmente trattata alla stregua delle altre professioni e ha trovato un limite, come per la generalità delle professioni, nella sola normativa eventualmente presente nei regolamenti comunali e/o condominiali.
L’art. 8 ter del D.lgs. n. 502/92 e successive modificazioni ed integrazioni, innovando in materia a fini di una maggior tutela della salute pubblica, ha esteso la necessità di autorizzazione all’esercizio anche ad alcune categorie di studi professionali, tra cui, in primo luogo, quelli odontoiatrici.
Lo studio associato è del tutto assimilabile allo studio personale in quanto la responsabilità professionale rimane in capo al singolo professionista associato.
L’associazione, infatti, in quanto società interna tra i professionisti, è lo strumento di cui gli stessi si avvalgono per condividere gli oneri connessi alla relativa gestione, quali le spese di manutenzione, le retribuzioni del personale di supporto, l’acquisto delle apparecchiature o del materiale di consumo, ecc.
La circostanza, inoltre, che i singoli professionisti esercitano, ognuno autonomamente e singolarmente, l’attività professionale cui sono abilitati esonera lo studio associato dalla necessità di un direttore sanitario.
Qualora l’associazione comporti la presenza di professionisti operanti non nella medesima, ma in discipline specialistiche diverse, ci si trova in presenza di un ambulatorio o di un poliambulatorio. Ai fini che qui interessano, l’associazione, infatti, presuppone una sostanziale identità delle problematiche inerenti l’esercizio professionale tra i soggetti associati: da ciò discende non solo quanto prima puntualizzato in ordine all’associabilità esclusivamente tra professionisti operanti nella medesima disciplina, ma anche l’impossibilità di un’associazione tra studi assoggettati al regime di autorizzazione e studi non rientranti in tale tipologia.
13
La circostanza che il provvedimento di autorizzazione debba essere intestato a tutti i professionisti associati è, infatti, un ulteriore elemento a conferma di quanto sopra puntualizzato.
Del tutto diversa è l’ipotesi in cui più professionisti espletino la propria attività professionale nella medesima unità immobiliare, anche in discipline specialistiche diverse, in maniera totalmente autonoma e indipendente dagli altri. In altri termini, a parte la possibilità di condivisione dell’attesa, del servizio igienico per gli utenti e dell’accettazione, l’erogazione delle prestazioni di ciascuno non deve comportare l’utilizzazione in comune di eventuali attrezzature necessarie per l’espletamento dell’attività, né deve esistere una comune organizzazione amministrativa. In presenza delle caratteristiche prima illustrate il locale dove i singoli professionisti espletano la propria attività conserva la natura di studio anche laddove uno o più di essi abbiano necessità di autorizzazione all’esercizio. Al contrario, qualora non sussistano le condizioni sopra descritte ci si trova in presenza di un poliambulatorio, con necessità dei relativi requisiti, ivi compresa la necessità del direttore sanitario.
Per completezza di informazione si ritiene opportuno puntualizzare che per ambulatorio odontoiatrico si intende un presidio sanitario aperto al pubblico (con vincolo dei giorni e degli orari di apertura) avente individualità ed organizzazione propria ed autonoma, in cui sono erogate prestazioni a favore di tutti i pazienti richiedenti. Esso presenta le stesse caratteristiche delle case ed istituti di cura e può essere autorizzato anche a nome di chi non sia odontoiatra, purché nello stesso sia garantita la presenza di un odontoiatra con qualifica di direttore sanitario responsabile.
In altri termini, nell’ambulatorio si determina una separazione tra attività professionale espletata nell’ambulatorio, come nelle altre più complesse strutture sanitarie, e gestione dell’impresa. Mentre il titolare di quest’ultima è responsabile della predisposizione e del mantenimento del contesto necessario per l’esercizio dell’attività, l’attività professionale e le relative prestazioni, anche se erogate in nome dell’impresa sanitaria, possono far capo solo a personale munito dei titoli professionali previsti che, legato a diverso titolo all’impresa sanitaria, opera nell’ambito della organizzazione a tal fine predisposta.
La responsabilità di natura imprenditoriale viene, quindi, ad essere separata rispetto all’attività tecnico-organizzativa, propria del direttore sanitario, ed a quella tecnicoprofessionale, propria del professionista, con la conseguenza che l’eventuale avvicendamento di tali figure tecniche lascia inalterata nel tempo l’impresa ed eventualmente anche la sua ragione sociale.
Considerazioni analoghe riguardano l’inserimento dell’attività odontoiatrica in un contesto polispecialistico, quale è il poliambulatorio.
La deliberazione n. 327/04, a differenza della precedente regolamentazione di cui alla DGR n. 125/99, procede alla definizione dei requisiti specifici per l’esercizio dell’attività sanitaria, ritenendo superfluo il richiamo alla normativa di carattere generale che, in quanto derivante da disposizioni legislative nazionali aventi, come tali, portata generale, devono essere riferite a tutte le strutture aperte al pubblico, sanitarie e non.
Tale impostazione è riferibile, per quanto riguarda gli studi professionali, singoli o associati, in particolare alla normativa sul superamento delle barriere architettoniche di cui alla legge. n. 13/89 e successive integrazioni e modificazioni. Poiché gli studi odontoiatrici sono del tutto assimilabili, sotto questo profilo, agli studi sedi di esercizio delle altre professioni intellettuali protette (avvocati, ingegneri, architetti, ecc.), si ritiene che il comportamento da tenere relativamente agli studi medici, non possa assumere 14
caratteristiche difformi rispetto a quanto avviene in sede di valutazione del rispetto della normativa in parola per il complesso degli studi professionali. L’autorizzazione di cui all’art.
8 ter del D.lgs. 502/92 e successive modificazioni ed integrazioni, con riferimento al quale è stata adottata la DGR. n. 327/04 trova, infatti, la sua ratio in elementi di natura igienicosanitaria, con particolare riferimento al problema della trasmissione di malattie infettive, per cui le relative disposizioni vanno applicate con riferimento a tali aspetti e non ad aspetti aventi natura diversa, i quali, tra l’altro, potrebbero determinare una disparità di trattamento dei professionisti di cui trattasi rispetto ad altre categorie professionali.
A maggior ragione, se si tiene conto che lo studio (singolo o associato), tra l’altro, è struttura “tecnicamente” non aperta al pubblico, relativamente alla cui attività il titolare assume in termini discrezionali ogni decisione in ordine agli orari ed ai giorni di apertura, ivi compresa la possibilità di esercitare una selezione sulla propria clientela.
Ovviamente quanto sopra detto riguarda l’autorizzazione all’esercizio dell’attività in regime libero-professionale: l’eventuale accreditamento istituzionale del professionista potrà richiedere ulteriori requisiti al fine di garantire uguali condizioni di accesso a tutti i cittadini.
PROCEDURE PER OTTENERE L’AUTORIZZAZIONE ALL’ESERCIZIO 1) Studi già in esercizio Gli studi odontoiatrici in esercizio alla data di presentazione della domanda di autorizzazione e comunque non successivamente al 22.2.2005 devono inoltrare al Comune competente per territorio, apposita domanda di autorizzazione, allegando la documentazione necessaria.
La presentazione della domanda entro la scadenza del termine abilita lo studio a protrarre l’attività, con le caratteristiche risultanti dalla documentazione allegata, fino al rilascio del provvedimento di autorizzazione richiesto o al suo eventuale diniego. Nella prima ipotesi lo studio, in quanto riscontrato in possesso di tutti i requisiti previsti, viene autorizzato a nome del professionista (o dei professionisti associati) e può quindi protrarre l’attività a tempo indeterminato, fatta salva la conferma quadriennale da effettuare attraverso l’autocertificazione di cui al primo comma dell’articolo 5 della Legge regionale n.
34/98.
Nell’ipotesi in cui, invece, in sede di verifica, il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Azienda USL competente accerti la mancanza di uno o più dei requisiti previsti, (salvo il caso in cui emergano gravi carenze dalle quali possa derivare un immediato pregiudizio per la sicurezza degli assistiti), il Comune notifica al/ai professionista/i gli eventuali adempimenti da eseguire, stabilendo un tempo massimo di esecuzione degli stessi.
Alla scadenza del termine, previa verifica dell’avvenuto superamento delle carenze riscontrate, il Comune provvede al rilascio dell’autorizzazione o alla notifica del suo diniego. In questa seconda ipotesi, l’eventuale protrazione dell’attività dello studio – così come la mancata presentazione della domanda entro il termine stabilito - sarà da ritenere, a tutti gli effetti, illegittima, con conseguente possibile applicazione delle sanzioni, anche penali, previste dalla legge.
2) Studi di nuova istituzione L’avvio dell’attività professionale è subordinato al rilascio del provvedimento di autorizzazione all’esercizio da parte del Comune, previa presentazione, anche in questo caso, della domanda corredata dagli allegati previsti. L’eventuale esercizio in mancanza di 15
autorizzazione determina la rilevanza penale dell’attività espletata, ai sensi dell’art. 193 del TT.UU.LL.SS. del 1934.

Greenteam © 2012 | Privacy Policy