Ricerca
pubblicato il 12/09/2005


COGNOME | NOME | CODICE IDENTIFICATIVO


ALBINI EUGENIO MDS113118
ANEDDA ALBERTO MDS102117
AZZOLINI PIER LORENZO MDS105139
BABINI ANDREA MDS110111
BAGLIONI GABRIELE MDS103112
BALDINI LORENZO MDS110112
BARDAZZI PIER VITTORIO MDS104112
BASILE GIUSEPPINA MDS101121
BATTISTINI GIANCARLO MDS110113
BAZZOCCHI PAOLO MDS112113
BECCHI MARIA ANGELA MDS104130
BELTRAMI GIANFRANCO MDS102112
BENATI ORETTA MDS105125
BERNARDI DANIELE MDS113120
BERNARDI GUARINO MDS110114
BERNARDI STEFANO MDS102121
BIOLCHI OVIDIO MAURO MDS101123
BOLLETTA UMBERTO MDS109122
BOLOGNESI MASSIMO MDS112111
BONIFACCI PATRIZIA MDS105116
BOSCHETTI MARCO MDS112116
BOVINA MAURO MDS106113
BRIGLIA SIMONA MDS110115
BRUSCHI FABIANA MDS103111
BUDRIESI NICOLA MDS105129
BURZI ROMANO MDS105122
CANTERGIANI ANDREA MDS104121
CASARINI PIERO MDS105132
CAVALLARI FABRIZIA MDS106111
CILLONI DOMENICO MDS103113
CIPRESSI ANDREA MDS104114
COBIANCHI CORRADO MDS105136
CONTARINI FRANCESCO MDS110117
CONTENTO PASQUALE MDS113113
CORGHI FABRIZIO MDS104117
CORSETTI ROBERTO MDS106114
COSTANTINO BIAGIO MDS101120
COZZINI DANIELE MDS102111
CRISTOFORI MARCO MDS109111
CUZZANI TOMMASO MDS110118
DALMONTE LIVIO MDS110119
DE LUCA GIANFRANCO MDS110120
D'INTINO PAOLA EMANUELA MDS105128
DONZELLI VIVIANA MDS110121
DRAGO ENRICO MDS105133
FABBRI ROBERTO MDS110122
FARAGONA FABIO MDS113119
FAVA PAOLA MDS104127
FIORELLA PIER LUIGI MDS110123
FOGLI MARCO MDS109126
FONTANA FRANCESCO MDS110124
FRANZOSO GIULIA MDS110125
GALLO CLAUDIO GIUSEPPE MDS105130
GAMBARARA DANILO MDS113117
GASPERONI RENATO MDS112118
GHIGLIONI GIUSEPPE MDS109120
GIAGNORIO RAFFAELLA MDS109114
GUERRINI PIERSANTE MDS110126
GUIDETTI ADRIANO MDS103114
GUIDUCCI UMBERTO MDS103118
IANCU GIOVANNI MDS104128
ILARI BARBARA MDS103115
KANELLOPULU SOFIA MDS110116
LAGHI DONATELLA MDS110127
LAMERI ELENA MDS103116
LAVEZZO MARCELLO MDS109121
LE NOCI ANNA LISA MDS104131
LIGABUE ENRICO MDS103123
LODI GUIDO MDS104123
LUCHETTI CLAUDIO MDS113112
LUGLI ALBERTO MDS109123
MAESTRI PAOLO MDS113111
MAGNANI LUCIANO MDS112112
MAGNANI MARCO MDS110128
MALUCELLI MAURIZIO MDS109124
MAMBELLI MAURIZIO MDS112115
MANGOLINI CRISTINA MDS109115
MARTINELLI BRUNO MDS109116
MASOTTI ANDREA MDS105112
MASTROJANNI CATERINA MDS105131
MEDRI FRANCESCO MDS110129
MELLONI SANDRO MDS109117
MESSINA LORENZO MDS104116
MICHELINI LUCA MDS104113
MITTIGA MARIO MDS104125
MONTANI GIOVANNI MDS102120
MORINI MARCELLO MDS110130
MORUZZI MARCO MDS112117
MUCCI ROBERTO MDS111212
ORLANDI DIEGO MDS112114
PAGANO DRITTO EUGENIO MDS110131
PALLI ROBERTO MDS105118
PECORARI PAOLO MDS105134
PETTINI ANDREA MDS111211
PICCININI LUCA MDS104122
PIOLANTI STEFANO MDS105117
PISTOLESI ANTONIO MDS102119
PIZZOLI ANDREA MDS110132
POLETTI GIUSEPPE MDS105115
POSABELLA GIOVANNI MDS105123
RAIMONDI STEFANIA MDS110133
RIGON GIANDOMENICO MDS109119
ROMAGNOLI LEONARDO MDS109112
RONCASSAGLIA MASSIMO MDS106112
ROSA SANDRO MDS105126
ROSSI GIUSEPPE MDS113121
ROTI SERGIO MDS103117
RUBBOLI FIORENZO MDS111213
RUTIGLIANO DONATO MDS104124
SANTINI CESARE MDS113115
SCACCHETTI MARCO MDS105111
SELLA GIANLUIGI MDS110134
SENALDI ROBERTO MDS105135
SGARZI SERGIO MDS105113
SOLDATI ANDREA MDS105114
SOLITO FRANCESCO MDS102115
SPATTINI MASSIMO MDS103122
SPEZI WALTER MDS113114
SPEZIALE FRANCESCO MDS105120
SPORTELLI GIANCARLO MDS102114
TAGLIA FRANCO MDS103120
TANZI RICCARDO MDS104120
TASSANI GIUSEPPE MDS113116
TONELLI MARINO MDS102116
TONI GIULIO MDS103121
TOVOLI CRISTINA MDS105127
TRIPI FERDINANDO MDS104111
VALERIANI ANDREA MDS109113
VECCHI ROBERTO MDS102118
VECCHIATINI ROBERTO MDS105138
VENTUROLI LUIGI MDS105121
VENTUROLI MARIA GRAZIA MDS104115
VERITA' LUCIANO MDS109125
VERNI ETTORE MDS104129
VERNOTICO LAURA MDS109127
VICINI MAURIZIO MDS104118
VINCENTELLI FERRUCCIO MDS105124
VIOLI ENRICO MDS103119
VISALLI SALVATORE MDS101122
VISANI GIORGIO MDS105137
ZANARDI GIOVANNI MDS102113
ZANI ZENO MDS105119
ZIGLIO PIER GIORGIO MDS109118
ZIRONI RINO CLEMENTE MDS104126
ZORATTI MARTA MDS104119

pubblicato il 28/09/2005

Cognome e Nome dello specialista in Medicina dello sport e relativo Codice identificativo:
ALBINI EUGENIO MDS113118 ANEDDA ALBERTO MDS102117 AZZOLINI PIER LORENZO MDS105139 BABINI ANDREA MDS110111 BAGLIONI GABRIELE MDS103112 BALDINI LORENZO MDS110112 BARDAZZI PIER VITTORIO MDS104112 BASILE GIUSEPPINA MDS101121 BATTISTINI GIANCARLO MDS110113 BAZZOCCHI PAOLO MDS112113 BECCHI MARIA ANGELA MDS104130 BELTRAMI GIANFRANCO MDS102112 BENATI ORETTA MDS105125 BERNARDI DANIELE MDS113120 BERNARDI GUARINO MDS110114 BERNARDI STEFANO MDS102121 BIOLCHI OVIDIO MAURO MDS101123 BOLLETTA UMBERTO MDS109122 BOLOGNESI MASSIMO MDS112111 BONIFACCI PATRIZIA MDS105116 BOSCHETTI MARCO MDS112116 BOVINA MAURO MDS106113 BRIGLIA SIMONA MDS110115 BRUSCHI FABIANA MDS103111 BUDRIESI NICOLA MDS105129 BURZI ROMANO MDS105122 CANTERGIANI ANDREA MDS104121 CASARINI PIERO MDS105132 CAVALLARI FABRIZIA MDS106111 CILLONI DOMENICO MDS103113 CIPRESSI ANDREA MDS104114 COBIANCHI CORRADO MDS105136 CONTARINI FRANCESCO MDS110117 CONTENTO PASQUALE MDS113113 CORGHI FABRIZIO MDS104117 CORSETTI ROBERTO MDS106114 COSTANTINO BIAGIO MDS101120 COZZINI DANIELE MDS102111 CRISTOFORI MARCO MDS109111 CUZZANI TOMMASO MDS110118 DALMONTE LIVIO MDS110119 DE LUCA GIANFRANCO MDS110120 D'INTINO PAOLA EMANUELA MDS105128 DONZELLI VIVIANA MDS110121 DRAGO ENRICO MDS105133 FABBRI ROBERTO MDS110122 FARAGONA FABIO MDS113119 FAVA PAOLA MDS104127 FIORELLA PIER LUIGI MDS110123 FOGLI MARCO MDS109126 FONTANA FRANCESCO MDS110124 FRANZOSO GIULIA MDS110125 GALLO CLAUDIO GIUSEPPE MDS105130 GAMBARARA DANILO MDS113117 GASPERONI RENATO MDS112118 GHIGLIONI GIUSEPPE MDS109120 GIAGNORIO RAFFAELLA MDS109114 GUERRINI PIERSANTE MDS110126 GUIDETTI ADRIANO MDS103114 GUIDUCCI UMBERTO MDS103118 IANCU GIOVANNI MDS104128 ILARI BARBARA MDS103115 KANELLOPULU SOFIA MDS110116 LAGHI DONATELLA MDS110127 LAMERI ELENA MDS103116 LAVEZZO MARCELLO MDS109121 LE NOCI ANNA LISA MDS104131 LIGABUE ENRICO MDS103123 LODI GUIDO MDS104123 LUCHETTI CLAUDIO MDS113112 LUGLI ALBERTO MDS109123 MAESTRI PAOLO MDS113111 MAGNANI LUCIANO MDS112112 MAGNANI MARCO MDS110128 MALUCELLI MAURIZIO MDS109124 MAMBELLI MAURIZIO MDS112115 MANGOLINI CRISTINA MDS109115 MARTINELLI BRUNO MDS109116 MASOTTI ANDREA MDS105112 MASTROJANNI CATERINA MDS105131 MEDRI FRANCESCO MDS110129 MELLONI SANDRO MDS109117 MESSINA LORENZO MDS104116 MICHELINI LUCA MDS104113 MITTIGA MARIO MDS104125 MONTANI GIOVANNI MDS102120 MORINI MARCELLO MDS110130 MORUZZI MARCO MDS112117 MUCCI ROBERTO MDS111212 ORLANDI DIEGO MDS112114 PAGANO DRITTO EUGENIO MDS110131 PALLI ROBERTO MDS105118 PECORARI PAOLO MDS105134 PETTINI ANDREA MDS111211 PICCININI LUCA MDS104122 PIOLANTI STEFANO MDS105117 PISTOLESI ANTONIO MDS102119 PIZZOLI ANDREA MDS110132 POLETTI GIUSEPPE MDS105115 POSABELLA GIOVANNI MDS105123 RAIMONDI STEFANIA MDS110133 RIGON GIANDOMENICO MDS109119 ROMAGNOLI LEONARDO MDS109112 RONCASSAGLIA MASSIMO MDS106112 ROSA SANDRO MDS105126 ROSSI GIUSEPPE MDS113121 ROTI SERGIO MDS103117 RUBBOLI FIORENZO MDS111213 RUTIGLIANO DONATO MDS104124 SANTINI CESARE MDS113115 SCACCHETTI MARCO MDS105111 SELLA GIANLUIGI MDS110134 SENALDI ROBERTO MDS105135 SGARZI SERGIO MDS105113 SOLDATI ANDREA MDS105114 SOLITO FRANCESCO MDS102115 SPATTINI MASSIMO MDS103122 SPEZI WALTER MDS113114 SPEZIALE FRANCESCO MDS105120 SPORTELLI GIANCARLO MDS102114 TAGLIA FRANCO MDS103120 TANZI RICCARDO MDS104120 TASSANI GIUSEPPE MDS113116 TONELLI MARINO MDS102116 TONI GIULIO MDS103121 TOVOLI CRISTINA MDS105127 TRIPI FERDINANDO MDS104111 VALERIANI ANDREA MDS109113 VECCHI ROBERTO MDS102118 VECCHIATINI ROBERTO MDS105138 VENTUROLI LUIGI MDS105121 VENTUROLI MARIA GRAZIA MDS104115 VERITA' LUCIANO MDS109125 VERNI ETTORE MDS104129 VERNOTICO LAURA MDS109127 VICINI MAURIZIO MDS104118 VINCENTELLI FERRUCCIO MDS105124 VIOLI ENRICO MDS103119 VISALLI SALVATORE MDS101122 VISANI GIORGIO MDS105137 ZANARDI GIOVANNI MDS102113 ZANI ZENO MDS105119 ZIGLIO PIER GIORGIO MDS109118 ZIRONI RINO CLEMENTE MDS104126 ZORATTI MARTA MDS104119
pubblicato il 28/09/2005

D.M. 19.04.2000 – Prove attitudinali per l’iscrizione all’albo degli odontoiatri Con riferimento alla nota del 26.07.2000 prot.10946/28-95 esaminate le relatice notegiuridiche poste da codesta Federazione di seguito si riportano le conclusioni cui è pervenuto lo scrivente ufficio.
In relazione al dibattito parlamentare sul disegno di legge relativo alla disciplina della professione di odontoiatra (a.c. 72 ed altri) sugli emendamenti tendenti a modificare sostituire l’art.3 comma 4 lettera d) si ritiene che detto articolo contiene le disposizioni concordate con la Commissione europea e coordinate con quanto previsto dall’art.5, punto 7, della proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio alo stadio di “posizione comune” (5103/3/200).
Infatti le norme contenute del decreto legislativo 13 ottobre 1998, n.386, e la revisione contenuta nella proposta di direttiva sopra citata sono insieme dirette a dare esecuzione alla Sentenza della Corte di Giustizia 1° giugno 1995, nella Causa C – 40/93. Ne consegue che il contenuto dell’art.3, comma 4, lettera d) non può essere modificato se non dopo aver attivato un nuovo negoziato con la Commissione europea.
Gli emendamenti degli onorevoli Conti, Saia, Carlesi e altri, diretti a modificare il contenuto dell’art.3, comma 5 nel senso di assicurare la titolarità alla contemporanea iscrizione all’ordine di medici-chirurghi e all’albo degli odontoiatri per i medici chirurghi in possesso di specializzazione in odontostomatologia, toccano materia oggetto di censura comunitaria nella procedura d’infrazione 96/2179 e ora ricorso alla Corte di Giustizia nella Causa C-202/99.
La posizione comune n.20.2000 del Consiglio dell’U.E. non ha, nell’ordinamento giuridico, valenza di norma ma serve a fornire, in vista dell’adozione di una direttiva del Parlamento europeo Ministero della Sanità – Dipartimento Professioni Sanitarie – Ufficio III Ref. Martelli Piazzale dell’Industria, 20 – 00144 Roma Pr. 1999 – 1022 / Lav.34 Tel. 06/59942772 - fax 06/59942665 e del Consiglio che modifica le direttive oggetto di attenzione, l’ordinamento verso cui tende la normativa dell’Unione Europea.
In considerazione a quanto sopra si ritiene che la prova attitudinale disciplinata dal D.l.vo 386/98 e dal D.M. 19 aprile 2000 non siano in contrasto con la modifica all’art.19 della direttiva 78/686 CEE, scaturita dopo ampio interlocutorio con la commissione Europea in previsione ed esclusivamente alla luce della regolamentazione che nel frattempo l’Italia ha emanato vale a dire D.l.vo 386/98 e successivo decreto Ministeriale del 19.04.2000.
Per quanto attiene i cittadini extracomunitari si ritiene che, gli stessi, qualora immatricolati dopo il 28 gennaio 1980 ed entro il 31 dicembre 1994 regolarmente abilitati all’esercizio professionale purchè la formazione sia stata totalmente conseguita in Italia, diploma di laurea e di abilitazione, possano accedere alla prova attitudinale.
pubblicato il 12/09/2005

SENTENZA 22 FEBBRAIO-9 MARZO 1989?Giudizio di legittimità costituzionale in via incidentale Sanitari - Odontoiatri - Medici chirurghi privi di specializzazione in odontoiatria ma abilitati ad esercitarla - Facoltà di chiedere l'iscrizione all'Albo degli odontoiatri, mantenendo l'iscrizione nell'Albo dei medici chirurghi - Esclusione - Disparità di trattamento?rispetto ai medici chirurghi provvisti di specializzazione in odontoiatria - Illegittimità costituzionale in parte qua.?- Legge 25 luglio 1985, n. 409, artt. 4, 5 e 20.?- Costituzione, art. 3.?LA CORTE COSTITUZIONALE?Composta dai signori:?Presidente: dott. Francesco SAJA;?Giudici: prof. Giovanni CONSO, prof. Ettore GALLO, dott. Aldo CORASANITI, prof. Giuseppe BORZELLINO,?dott. Francesco GRECO, prof. Renato DELL'ANDRO, prof. Gabriele PESCATORE, avv. Ugo SPAGNOLI,?prof. Francesco Paolo CASAVOLA, prof. Antonio BALDASSARRE, prof. Vincenzo CAIANIELLO, avv. Mauro?FERRI, prof. Luigi MENGONI, prof. Enzo CHELI;?ha pronunciato la seguente?SENTENZA?nei giudizi riuniti di legittimità costituzionale degli artt.4, 5 e 20 della l. 24 luglio 1985, n.409 Istituzione della?professione sanitaria di odontoiatria e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione?di servizi da parte dei dentisti cittadini di Stati membri delle Comunità europee), promosso con ordinanza?emessa il 10 luglio 1987 dal Tribunale di Verona nei procedimenti riuniti vertenti tra Quintarelli Giuseppe?ed altri e l'Ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Verona, iscritta al n.365 del registro?ordinanze 1988 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n.42, prima serie speciale, dell'anno?1988;?Visto l'atto di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;?Udito nella camera di consiglio del 25 gennaio 1989 il Giudice relatore Vincenzo Caianiello;?Ritenuto in fatto?1. - Nel corso di un giudizio volto ad accertare la sussistenza in capo agli attori del diritto a mantenere la?propria iscrizione all'Albo provinciale dei medici-chirurghi, il Tribunale di Verona, con ordinanza in data 10?luglio 1987 (Reg. ord. n. 365 del 1988), ha sollevato, in riferimento agli artt.3, 4, 33, comma 5 della?Costituzione, questione di legittimità costituzionale degli artt.4, 5 e 20 della legge 24 luglio 1985 n.409?Istituzione della professione sanitaria di odontoiatra e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla?libera prestazione di servizi da parte dei dentisti cittadini di Stati membri delle Comunità europee).?Le prime due disposizioni censurate prevedono la possibilità di iscrizione al nuovo Albo professionale degli?odontoiatri per i laureati in odontoiatria e protesi dentaria, e per i laureati in medicina e chirurgia in possesso?di specializzazione in odontoiatria, e ne sanciscono l'incompatibilità con l'iscrizione a qualsiasi altro Albo?Sentenza 100/1989?Giudizio GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA INCIDENTALE?Presidente SAJA Relatore CAIANIELLO?Camera di Consiglio del 25/01/1989 Decisione del 22/02/1989?Deposito del 09/03/1989 Pubblicazione in G.U. 15/03/1989?Ordinanze di rimessione 365/1988?Massime: 12864?Corte Costituzionale – Sentenza 9 Marzo 1989, n.100?www.omceo.me.it?Pag. n. 2?professionale, salvo che per i laureati in medicina e chirurgia che siano in possesso di diploma di?specializzazione nel campo odontoiatrico, che possono essere iscritti anche all'Albo dei medici chirurghi.?La terza delle norme impugnate prevede, invece, per i laureati in medicina e chirurgia iscritti al relativo?corso di laurea anteriormente al 28 gennaio 1980, privi di specializzazione ma abilitati all'esercizio?professionale, la facoltà di optare, nel termine di cinque anni, per l'iscrizione all'Albo degli odontoiatri.?Il giudice a quo ritiene che le disposizioni censurate:?a) diano luogo ad un'evidente disparità di trattamento tra medici generici che, volendo continuare ad?esercitare la professione di odontoiatria, perdono l'iscrizione all'albo dei medici chirurghi, e medici?specialisti che invece possono mantenerla;?b) violino il principio della libertà di scelta, per i medici non specialisti, della propria attività lavorativa (art.4?della Costituzione) attraverso la potenziale perdita dell'abilitazione già da tempo acquisita) a prestare?attività medica generica, negando, peraltro, in violazione dell'art.33, comma quinto, della Costituzione,?ogni concreto valore all'abilitazione professionale conseguita.?2. - Non si sono costituite le parti ma è intervenuta l'Avvocatura Generale dello Stato eccependo, in via?preliminare, l'inammissibilità delle questioni per difetto di motivazione sulla rilevanza. Dall'atto di rimessione,?infatti, non risulterebbe in quale modo le norme impugnate possano incidere sulla definizione del giudizio a?quo, nè quale sia la posizione professionale rivestita dagli attori.?Le questioni sarebbero poi inammissibili anche perchè, con esse, si richiederebbe sostanzialmente alla?Corte di integrare la legge prevedendo un'ulteriore particolare categoria di medici aventi diritto a svolgere?attività odontoiatra, e cioè quella di coloro che l'abbiano già svolta senza essere in possesso della relativa?specializzazione. Tale integrazione - almenochè non si voglia ammettere indistintamente tutti i medici?generici a svolgere attività di odontoiatra (così sovvertendo però la volontà espressa dal Parlamento nel?senso della separazione delle due professioni) - richiederebbe l'individuazione e la specificazione di elementi?rimessi all'esclusiva discrezionalità del legislatore.?Nel merito,le questioni risulterebbero comunque infondate. È di tutta evidenza infatti che non può postularsi?parità di trattamento tra categorie del tutto differenziate quali sono quella dei medici chirurghi specializzati in?odontoiatria e quella di chi non abbia tale specializzazione, mentre, per quanto concerne la lamentata?violazione dell'art.4 della Costituzione, l'Avvocatura osserva che le norme impugnate non comprimono il?diritto dei medici generici (a continuare) a svolgere attività dentistica, anche se la nuova regolamentazione?dell'odontoiatria, quale attività professionale autonoma, non poteva non comportare una più rigorosa?determinazione dei requisiti necessari ad esercitarla.?Non sarebbe infine sostenibile una violazione dell'art.33 della Costituzione dal momento che gli attori?pretendono la contemporanea iscrizione in due Albi professionali pur avendo titoli che giustificano?l'iscrizione ad uno solo di essi.?Considerato in diritto?1. - È stata sollevata in riferimento agli artt.3, 4, 33, comma quinto, della Costituzione, questione di legittimità?costituzionale degli artt.4, 5 e 20 della legge 24 luglio 1985, n.409 (Istituzione della professione sanitaria di?odontoiatria e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi da parte dei?dentisti cittadini di Stati membri delle Comunità europee), in base ai quali è prevista, per i laureati in?medicina e chirurgia iscritti al relativo corso di laurea anteriormente al 28 gennaio 1980, privi di?specializzazione ma abilitati all'esercizio professionale, la facoltà di optare, nel termine di cinque anni, per?l'iscrizione all'albo degli odontoiatri istituito con la legge citata, perdendo il diritto alla contemporanea?iscrizione all'albo dei medici chirurghi.?Si sostiene dal giudice a quo che le disposizioni censurate danno luogo ad una evidente disparità di?trattamento (art.3 della Costituzione) tra i medici generici - che, volendo esercitare la professione di?odontoiatra, optino per l'iscrizione al relativo albo professionale, perdendo così (come previsto dal combinato?disposto degli artt.4 e 5 della legge istitutiva della professione sanitaria di odontoiatra) l'iscrizione all'albo?dei medici chirurghi - e i medici chirurghi specialisti in odontoiatria ai quali soltanto è consentito dall'art.5?della stessa legge di ottenere la doppia iscrizione.?Si soggiunge che risulterebbe anche violato, nei confronti dei medici non specialisti in odontoiatria, il?principio della libertà di scelta della loro attività lavorativa (art.4 della Costituzione), attraverso la potenziale?perdita dell'abilitazione (già acquisita) a prestare l'attività medica in generale, negandosi così, in violazione?dell'art.33, comma quinto, della Costituzione, ogni concreto valore all'abilitazione professionale conseguita.?2. - Va preliminarmente disattesa l'eccezione di inammissibilità dedotta dall'Avvocatura generale dello Stato,?in quanto, diversamente da quanto eccepito, dal contesto dell'ordinanza di rimessione appare?sufficientemente motivato il punto della rilevanza delle questioni sollevate rispetto alla definizione del giudizio?a quo.?Parimenti infondata è l'altra eccezione di inammissibilità, basata sulla considerazione che l'ordinanza?tenderebbe ad un intervento integrativo di questa Corte, preclusole della difficoltà di individuare - a?differenza che per i medici specialisti - i criteri in base ai quali concedere a quelli non specialisti di?Corte Costituzionale – Sentenza 9 Marzo 1989, n.100?www.omceo.me.it?Pag. n. 3?esercitare la professione di odontoiatra: a meno di non consentire a tutti i medici chirurghi non specialisti di?svolgere entrambe le attività, cioè quella di medico chirurgo e quella di odontoiatra, il che equivarrebbe ad?un radicale capovolgimento della volontà espressa dal Parlamento nel senso della separazione delle due?professioni.?L'eccezione muove da una errata interpretazione dell'ordinanza di rimessione perchè questa tende non già?ad ottenere che i medici chirurghi iscritti al relativo albo professionale siano ammessi alla iscrizione nell'albo?degli odontoiatri - il che renderebbe influente il profilo dedotto dall'Avvocatura dello Stato circa?l'individuazione di tali criteri - ma prospetta la questione in termini esattamente opposti, in quanto tende a?conservare in capo a quei medici che, in virtù dei requisiti ben determinati dall'art.20, possono svolgere la?professione di odontoiatra la possibilità di rimanere iscritti al loro originario albo di appartenenza.?Rileva, difatti, il giudice a quo che, prima della entrata in vigore della legge del 1985, l'abilitazione alla?professione di medico-chirurgo dava di per sè titolo all'esercizio dell'odontoiatria non essendo all'uopo?richiesta la specializzazione in questa disciplina. Per effetto del combinato disposto delle disposizioni?denunciate i medici-chirurghi non specializzati, che già avevano titolo ad esercitare, assieme alla?professione di medico-chirurgo, anche l'odontoiatria, devono invece ora optare, ai fini dell'esercizio di?quest'ultima attività, per l'iscrizione all'Albo degli odontoiatri, perdendo così il diritto - invece conservato ai?medici chirurghi specializzati in odontoiatria - a rimanere iscritti anche all'albo professionale dei medici?chirurghi.?L'eccezione di inammissibilità va dunque disattesa in quanto, la soluzione della questione non richiede, da?parte di questa Corte, la preventiva individuazione, ai fini dell'iscrizione all'albo, dei criteri per la?determinazione dei relativi requisiti, essendo essi già ben determinati dalla legge.?3.1. - La questione, sollevata in riferimento all'art.3 della Costituzione è fondata.?In proposito va ribadito che prima della legge 24 luglio 1985, n.409, la professione di medico chirurgo e?quindi l'iscrizione al relativo albo, consentiva di per sè l'esercizio della odontoiatria, ai sensi del regio decreto?legge 16 ottobre 1924, n.1755, convertito nella legge 21 marzo 1926, n.597, non essendo all'uopo richiesta?apposita specializzazione, che pur poteva all'epoca conseguirsi dopo la laurea.?La legge n.409 del 1985, nell'istituire la professione sanitaria di odontoiatria, nonchè il relativo albo?professionale (artt.1 e 4), ha previsto che a quest'ultimo possano iscriversi quanti sono in possesso della?laurea in odontoiatria e protesi dentaria (istituita con il decreto del presidente della Repubblica 28 febbraio?1980, n.135) e della relativa abilitazione all'esercizio professionale, conseguita a seguito di superamento di?apposito esame di Stato, nonchè i laureati in medicina e chirurgia, anch'essi abilitati all'esercizio?professionale e in possesso del diploma di specializzazione in campo odontoiatrico. Ma l'iscrizione all'albo?degli odontoiatri e l'esercizio della relativa attività professionale è, altresì, consentita (come si è già rilevato?nell'esaminare l'eccezione di inammissibilità), seppure, in via transitoria, e cioè "nella prima applicazione"?della legge in parola, anche ai laureati in medicina e chirurgia iscritti al relativo corso di laurea anteriormente?al 28 gennaio 1980, abilitati all'esercizio della professione di medico-chirurgo, purchè optino per l'iscrizione?all'albo degli odontoiatri entro cinque anni dalla data di entrata in vigore della legge (art. 20).?L'iscrizione all'albo degli odontoiatri è incompatibile con l'iscrizione ad altro albo professionale (art.4, terzo?comma), salvo che per i laureati in medicina e chirurgia, abilitati all'esercizio della professione di medicochirurgo,?ed in possesso di un diploma di specializzazione in campo odontoiatrico, ai quali è consentito?(art.5) di mantenere, contemporaneamente all'iscrizione all'albo degli odontoiatri, quella all'albo dei medicichirurghi.?È dunque dal combinato disposto delle disposizioni testè illustrate della legge n.409 del 1985 che si ricava,?per i medici-chirurghi iscritti al relativo corso di laurea prima del 28 gennaio 1980, che siano abilitati?all'esercizio professionale in medicina e chirurgia ed optino per l'iscrizione all'albo degli odontoiatri entro?cinque anni dalla entrata in vigore della legge in esame, l'incompatibilità con l'iscrizione all'albo dei medicichirurghi.?3.2. - Il contrasto con il principio di eguaglianza delle disposizioni da cui deriva tale incompatibilità appare?evidente allorchè si raffronti la situazione dei medici chirurghi non specialisti, iscritti al corso di laurea in?medicina e chirurgia prima del 23 gennaio 1980 (ed in quanto tali ritenuti idonei dalla stessa legge del?1985 ad esercitare l'odontoiatria), con la situazione che riguarda i medici chirurghi specialisti, dovendosi?considerare che, prima della entrata in vigore della legge del 1985, che ha separato le due professioni, la?sola abilitazione in medicina e chirurgia dava titolo alla iscrizione all'unico albo professionale allora previsto,?autorizzando anche all'esercizio dell'odontoiatria, indipendentemente dal possesso della relativa?specializzazione. Nell'istituire nel 1985 l'albo separato degli odontoiatri con una disciplina che prevede "a?regime", per il futuro, l'iscrivibilità dei medici-chirurghi solo se forniti di specializzazione in odontoiatria, il?legislatore si è preoccupato di salvaguardare "nella prima applicazione della legge" le situazioni pregresse,?prendendo in considerazione (art.20, legge cit.) i medici che si fossero iscritti al corso di laurea in medicina e?chirurgia prima della istituzione, nel 1980, di quello in odontoiatria. La legge ha quindi riconosciuto il?permanere della loro idoneità ad esercitare la professione di odontoiatra, idoneità che non poteva non?Corte Costituzionale – Sentenza 9 Marzo 1989, n.100?www.omceo.me.it?Pag. n. 4?riconoscere senza incorrere nell'ingiustificata lesione di un diritto (all'esercizio di una attività professionale)?che già apparteneva a quei soggetti e che si sarebbe potuto sacrificare solo in presenza di esigenze?meritevoli di tutela nel bilanciamento dei contrapposti interessi.?Una volta effettuato quel riconoscimento e, quindi, parificata ai fini dell'iscrizione all'albo degli odontoiatri,?seppure in via transitoria (in quanto si tratta di una categoria di soggetti destinata ad esaurirsi nel tempo), la?categoria dei medici-chirurghi a quella dei laureati in odontoiatria e protesi dentaria e a quella dei medicichirurghi?specialisti, non trova alcuna valida giustificazione l'aver privato i primi, che si fossero iscritti?all'albo degli odontoiatri, di nuova istituzione, del diritto di continuare ad essere contemporaneamente iscritti?all'albo dei medici-chirurghi, come era loro consentito in virtù del solo titolo di laurea e della abilitazione?professionale conseguita.?Nè in proposito ha pregio la tesi, adombrata dalla Avvocatura generale dello Stato, secondo cui il divieto?della doppia iscrizione sarebbe giustificato dal disegno perseguito del legislatore di separare, dal momento?della entrata in vigore della legge istitutiva del nuovo albo, la professione di medico chirurgo da quella di?odontoiatra. Il legislatore ha, invece, mostrato di non seguire in assoluto questa linea, avendo, nell'art.5?della legge citata, previsto addirittura "a regime" la possibilità della doppia iscrizione per i medici specialisti?in odontoiatria, onde è certamente discriminatorio che i medici-chirurghi non specialisti, per poter continuare?ad esercitare una attività che fino a quel momento era loro consentita, debbano optare per l'iscrizione all'albo?degli odontoiatri entro cinque anni dalla entrata in vigore della legge, perdendo il diritto a mantenere?l'iscrizione all'albo dei medici chirurghi.?3.3. - La diversità di trattamento fra le due categorie di medici chirurghi, cioè quelli specializzati nel campo?dell'odontoiatria e quelli non specializzati, non potrebbe neppure giustificarsi in relazione alla diversità delle?rispettive situazioni e cioè in base al possesso, da parte dei primi, del titolo di specializzazione di cui sono?invece sforniti i secondi. In proposito va rilevato che, una volta che la legge ha ritenuto la specializzazione?non indispensabile, sia pure per un periodo transitorio, ai fini dell'iscrizione dei medici chirurghi all'albo?degli odontoiatri - avendo equiparato ai medici specializzati quelli, di cui all'art.20 della legge, non muniti di?specializzazione - la diversità di trattamento consistente nella perdita della possibilità di iscrizione ai due?albi, non può essere giustificata, sulla base del mancato possesso della specializzazione in odontoiatria.?Difatti, per quel che riguarda l'esercizio della professione di medico chirurgo, il possesso o meno di tale?specializzazione è assolutamente ininfluente.?Appare quindi irrazionale la prescrizione legislativa secondo cui la mancanza della specializzazione in?odontoiatria incide sulla possibilità di mantenere l'iscrizione all'albo professionale dei medici chirurghi.?La disposizione sull'incompatibilità non può perciò ritenersi ispirata che dallo scopo di limitare l'attività?concorrenziale nel campo dell'odontoiatria, restringendo il numero degli esercenti tale professione, con una?previsione limitativa di un diritto appartenente, fino a quel momento, anche ai medici non specialisti, diritto?che costituisce la naturale esplicazione di facoltà che derivano dai titoli di laurea ed abilitanti posseduti.?Ma tale scopo, diretto a limitare la concorrenza, non può giustificare nè la discriminazione, nè comunque il?sacrificio di situazioni già acquisite, perchè, come è stato più volte ribadito da questa Corte (v. da ultimo?sentenza n.56 del 1989), il legislatore può incidere su situazioni pregresse sacrificando quelle di alcune?categorie di soggetti, sempre che ciò risulti plausibilmente ragionevole e conseguente, come si è osservato,?ad una equa valutazione dei contrapposti interessi.?Discende da tali considerazioni l'illegittimità costituzionale delle norme denunciate, perchè esse vengono a?privare - senza che sussista una ragione che plausibilmente le giustifichi - i soggetti indicati nell'art.20 del?diritto, già loro appartenente, di rimanere iscritti all'albo dei medici chirurghi, ove chiedano l'iscrizione?all'albo degli odontoiatri per esercitare la relativa professione.?Consegue da ciò l'illegittimità costituzionale anche della norma la quale dispone che la richiesta?dell'iscrizione all'albo di nuova istituzione debba intervenire entro il termine di cinque anni dalla entrata in?vigore della legge.?Il termine finale poteva giustificarsi solo in quanto collegato all'opzione.?Ma, una volta esclusa l'incompatibilità per i soggetti in parola, l'iscrizione all'albo degli odontoiatri avviene?non per effetto di una opzione, bensì di una richiesta, questa, come tale, non può essere sottoposta a?termine quando, come nel caso in esame, sia collegata ad un'idoneità professionale già conseguita e?riconosciuta.?4. - L'accoglimento della questione di legittimità costituzionale in riferimento all'art.3 della Costituzione rende?superfluo l'esame dell'altra questione in riferimento agli artt.4 e 33, comma quinto, della Costituzione.?PER QUESTI MOTIVI?LA CORTE COSTITUZIONALE?Dichiara l'illegittimità costituzionale degli artt.4, 5 e 20 della legge 24 luglio 1985, n.409 (Istituzione della?professione sanitaria di odontoiatra e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione?Corte Costituzionale – Sentenza 9 Marzo 1989, n.100?www.omceo.me.it?Pag. n. 5?di servizi da parte dei dentisti cittadini di stati membri delle Comunità europee), nella parte in cui non?prevedono che i soggetti indicati nell'art.20, primo comma, ottenuta l'iscrizione all'albo degli odontoiatri,?possano contemporaneamente mantenere l'iscrizione all'albo dei medici chirurghi così come previsto per i?soggetti indicati nell'art.5, e nella parte in cui prevedono che i medesimi possano "optare" nel termine di?cinque anni per l'iscrizione all'albo degli odontoiatri, anzichè "chiedere" senza limite di tempo tale iscrizione.?Così deciso in Roma, nella Sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 febbraio 1989.?Il Presidente: SAJA?Il redattore: CAIANIELLO?Il cancelliere: MINELLI?Depositata in cancelleria il 9 marzo 1989.?Il direttore della cancelleria: MINELLI
pubblicato il 12/09/2005

I semestre 2005.
In attuazione di quanto previsto dalla Norma transitoria n.2 dell'Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale, reso esecutivo in data 23 marzo 2005 con intesa sancita in Conferenza Stato-Regioni (ACN della medicina generale), nell'anno di entrata in vigore dell'Accordo per l'attribuzione degli incarichi si utilizzano i criteri di assegnazione e la graduatoria regionale già formulata sulla base del disposto del DPR 270/2000.
Entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del presente Bollettino i medici interessati potranno inoltrare alle Aziende USL domanda di partecipazione all’assegnazione degli incarichi - per trasferimento o per graduatoria o per entrambi - secondo i facsimile allegati (A - B) Possono concorrere al conferimento degli incarichi :
a) per trasferimento:
I medici che risultano già iscritti in uno degli elenchi dei medici convenzionati per l’assistenza primaria in una Azienda della Regione Emilia-Romagna, (da almeno due anni nel medesimo elenco di provenienza) e quelli inseriti in un elenco di assistenza primaria di altra Regione (da almeno quattro anni nel medesimo elenco di provenienza) ancorché non abbiano fatto domanda di inserimento nella graduatoria regionale, a condizione che, al momento dell’attribuzione del nuovo incarico, non svolgano altre attività a qualsiasi titolo nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale, eccezion fatta per attività di continuità assistenziale.?La data cui fare riferimento per la maturazione degli anni necessari ad ottenere il trasferimento è quella riportata in calce nella sottoscrizione della domanda.?I trasferimenti sono possibili fino alla concorrenza di un terzo dei posti disponibili in ciascuna Azienda e i quozienti frazionali ottenuti nel calcolo si approssimano alla unità più vicina. In caso di disponibilità di un solo posto per questo può essere esercitato il diritto di trasferimento.??b) per graduatoria:
I medici iscritti nella graduatoria regionale per la medicina generale valevole per il 2005 (pubblicata sul BUR n. 71- parte terza, del 4 maggio 2005). Per l’assegnazione delle zone carenti - fatta salva l’assegnazione preliminare per trasferimento - la riserva è definita nel modo seguente:?- 67% a favore dei medici in possesso dell’attestato di formazione in medicina generale;?- 33 % a favore dei medici in possesso di titolo equipollente.?Gli aspiranti all’assegnazione degli ambiti territoriali carenti possono concorrere esclusivamente per una delle riserve di assegnazione.?Si fa presente che, ai sensi dell’art. 20 comma 16, DPR 270/00, il medico che accetta l’incarico per la copertura di zona carente è cancellato dalla graduatoria regionale vigente, ai soli fini del conferimento degli incarichi di assistenza primaria.
I medici già titolari di incarico di assistenza primaria possono partecipare alle procedure per la copertura delle zone carenti anche secondo graduatoria, qualora risultino inseriti nella graduatoria valevole per il 2005. Se il medico accetta il nuovo incarico, viene cancellato, comunque, dall’elenco di provenienza e pertanto non può acquisire ulteriori scelte, pur mantenendo il rapporto convenzionale con l’Azienda di provenienza fino al definitivo conferimento di incarico da parte dell’Azienda di destinazione. In caso di rinuncia o decadenza dall’incarico decade anche dal rapporto di convenzione con l’Azienda di appartenenza.
I punteggi previsti per la residenza nell’ambito territoriale dichiarato carente per il quale concorrono e/o nell’ambito della Regione Emilia-Romagna sono assegnati se il requisito della residenza risulta posseduto da almeno due anni antecedenti la scadenza del termine per la presentazione della domanda di inclusione nella graduatoria regionale (la data di riferimento è il 31.1.2002) e mantenuto fino alla attribuzione dell’incarico.
?In base a quanto previsto dalla norma finale n. 2, ai medici già inseriti nella graduatoria regionale valevole per il 2005, che abbiano conseguito l’attestato di formazione specifica in Medicina Generale dopo la scadenza del termine di presentazione della domanda di inclusione in tale graduatoria (31.1.2004), è consentito, previa presentazione del titolo unitamente alla domanda, partecipare all’assegnazione delle zone carenti, nell’ambito della riserva di assegnazione prevista a favore dei medici in possesso dell’attestato, con l’attribuzione, in tale sede, del relativo punteggio per il possesso dell’attestato.?Secondo quanto previsto dall'art.3 del Dlgs 7 giugno 2000, n.168, i medici che, nei termini stabiliti per la presentazione della domanda per l’inclusione nella graduatoria regionale 2005, hanno autocertificato la frequenza del secondo anno del corso di formazione specifica in medicina generale 2001-2003, devono presentare il relativo diploma durante il periodo di validità della graduatoria regionale, unitamente alla domanda di assegnazione delle zone carenti. Il mancato conseguimento dell’attestato comporta la cancellazione dalla graduatoria regionale.
Le condizioni ed i requisiti di cui ai punti a) e b) devono permanere fino all'assegnazione degli incarichi.
Le Aziende USL provvedono alla convocazione dei medici per l’assegnazione degli incarichi mediante Raccomandata A.R. o telegramma, secondo le modalità di cui all’art.20 del DPR 270/2000. Nessuna responsabilità è posta in capo alle ASL relativamente al mancato ritiro della raccomandata in tempo utile.
Avvertenze
I medici che, negli ultimi due anni antecedenti la scadenza del termine per la presentazione della domanda di inclusione nella graduatoria regionale, sono stati convenzionati in altro ambito territoriale e non hanno cambiato la residenza, secondo gli obblighi convenzionali, non possono avvalersi della possibilità di fruire del punteggio aggiuntivo di 5 punti in occasione di loro eventuale partecipazione alla copertura di zone carenti riguardanti il Comune in cui abbiano conservato la residenza anagrafica.
Le graduatorie predisposte dalle Aziende USL saranno rese pubbliche mediante affissione all’Albo dell’Azienda.
Ai sensi dell’art.13 del D. Lgs 30 giugno 2003, n. 196 e in relazione ai dati personali richiesti si informa che tali dati verranno trattati esclusivamente per le finalità per le quali sono stati acquisiti.

?AZIENDE UNITA’ SANITARIE LOCALI?Zone carenti di assistenza primaria n. zone carenti ?AZIENDA USL DI PIACENZA?Dipartimento Cure Primarie?C.so Vittorio Emanuele, 169 - 29100 Piacenza DISTRETTO VAL TIDONE?-Ambito territoriale n.1 (Comuni di Castel S. Giovanni, Sarmato) 2 ?(con obbligo di apertura nel Comune di Castel S. Giovanni) ?DISTRETTO URBANO?-Ambito territoriale n.1 (Comuni di Piacenza e Gossolengo) 3 ?di cui:?1 con obbligo apertura Comune di Piacenza - Circoscr. n.3?2 con obbligo apertura Comune di Piacenza - Circoscr. n.4??DISTRETTO VAL D’ARDA?-Ambito territoriale n.1 ?(Comuni di Alseno, Fiorenzuola, Cadeo, Pontenure) 3?di cui:?1 con obbligo di apertura nel Comune di Alseno ?1 con obbligo di apertura nel Comune di Cadeo ?1 con obbligo di apertura nel Comune di Pontenure ??- Ambito territoriale n.3 (Comuni di Carpaneto P.no, Gropparello) 1?( con obbligo di apertura nel Comune di Carpaneto P.no) ?-Ambito territoriale n.5 ?(Comuni di Besenzone, Cortemaggiore, San Pietro in Cerro, Villanova?sull’Arda) con apertura di ambulatorio a scelta fra i Comuni di?Besenzone e San Pietro in Cerro 1 AZIENDA USL DI PARMA ?Strada del Quartiere, 2/A- 43100 Parma DISTRETTO DI PARMA?-Ambito territoriale: Comune di Colorno 1 DISTRETTO DI FIDENZA?-Ambito territoriale: Comune di San Secondo Parmense 1?-Ambito territoriale: Comuni di Polesine Parmense, Roccabianca e?Zibello, con apertura I ambulatorio a Roccabianca 1 ?AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA?U.O. Rapporti Convenzionali?Via Amendola, 2 - 42100 Reggio Emilia DISTRETTO DI MONTECCHIO?-Comune di S.Polo 1 ?AZIENDA USL DI MODENA?Servizio CAAD - Via S.Giovanni del Cantone,23 - 41100 Modena DISTRETTO DI CARPI?-Comune di Carpi 3?-Comune di Novi 1?-Comune di Soliera 1 DISTRETTO DI MIRANDOLA?-Comune di Mirandola 1?-Ambito territoriale Comuni di Cavezzo - Medolla – S. Prospero 1?-Ambito territoriale Comuni di S.Felice-Camposanto 1 DISTRETTO DI MODENA?-Comune di Modena 1 DISTRETTO DI SASSUOLO?-Comune di Prignano sul Secchia 1 DISTRETTO DI VIGNOLA?- Comune di Vignola 2?- Comune di Spilamberto 1?- Comune di Castelnuovo Rangone 1 ?- Comune di Savignano sul Panaro 1?(con obbligo di apertura ambulatorio?in località Magazzino di Savignano sul Panaro) DISTRETTO DI CASTELFRANCO EMILIA?-Comune di S.Cesario sul Panaro 1?- Comune di Bomporto 1?- Comune di Ravarino 1 AZIENDA USL DI BOLOGNA ?Dipartimento Cure Primarie di Bologna?Via Montebello,6 - 40121 Bologna DISTRETTO DI S.LAZZARO DI SAVENA?- Ambito territoriale S.Lazzaro di Savena (con congruo orario?ambulatoriale in località Ponticella) 1 DISTRETTO DI PORRETTA TERME?-Ambito territoriale Comuni di: Vergato, Castel D'Aiano, 1?Grizzana Morandi ?DISTRETTO PIANURA OVEST?- Ambito territoriale: Comune di Sant'Agata Bolognese 1?- Ambito territoriale: Comune di Crevalcore 1?- Ambito territoriale: Comune di S.Giovanni in Persiceto 1 DISTRETTO PIANURA EST?- Ambito territoriale: Comune di Minerbio 1?- Ambito territoriale: Comune di Budrio 1 AZIENDA USL DI FERRARA DISTRETTO OVEST?- Ambito territoriale: Comuni di Sant'Agostino e Mirabello 1 ?AZIENDA USL DI RAVENNA?Distretto di Ravenna - Ufficio Convenzioni Mediche?Via Fiume Abbandonato, 134 - 48100 Ravenna DISTRETTO DI RAVENNA?- Comune di Ravenna - Circoscrizione di Mezzano 1?- Comune di Russi 2 DISTRETTO DI LUGO?- Comune di Conselice 1 AZIENDA USL DI FORLI’?U.O. Attività Sanitaria di Cure Primarie?Via Oberdan , 11 - 47100 Forlì -Ambito territoriale: Comune di Forlì 1?- Ambito territoriale "Basso Bidente: Comuni di Forlimpopoli e 2?Bertinoro di cui:?1 con obbligo apertura ambulatorio a Forlimpopoli?1 con obbligo apertura ambulatorio a Bertinoro?- Ambito territoriale: Comune di Meldola 2?- Ambito territoriale "Alto Bidente": Comuni di S.Sofia, Galeata e?Civitella 1 AZIENDA USL DI RIMINI ?Ufficio Interdistrettuale Convenzioni Mediche?Distretto di Rimini?Via Coriano,38 - 47900 Rimini DISTRETTO DI RIMINI?- Ambito territoriale: Comune di Rimini 1?- Ambito territoriale: Comuni di Santarcangelo, Poggio Berni 1?e Torriana??Il Responsabile del Servizio ?Politica del Farmaco e Medicina Generale?( Cristina Malvi)

BOLLO (€ 11,00) Allegato A RACCOMANDATA A.R.

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL’ASSEGNAZIONE DI INCARICHI NELLE ZONE CARENTI DI ASSISTENZA PRIMARIA?(per trasferimento) ?Azienda USL di................................................................?........................................................................................?(riportare l’indirizzo indicato nell’elenco delle zone carenti) ?Il sottoscritto Dr...................................................nato a...............................il...................
residente a...........................................prov.........Via..........................................................
CAP...............tel………….....iscritto all’Ordine dei Medici di....………………………??titolare di incarico a tempo indeterminato per l’assistenza primaria FA DOMANDA DI TRASFERIMENTO secondo quanto previsto dalla norma transitoria n.2 dell'ACN della medicina generale e dall’art.20, comma 4, lett.a) del DPR 270/00 per l’assegnazione degli incarichi nelle zone carenti di assistenza primaria pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna n.71 del 4 maggio 2005,come di seguito indicato:
Comune/Ambito............................................... Comune/Ambito...................................
Comune/Ambito............................................... Comune/Ambito...................................
Comune/Ambito............................................... Comune/Ambito...................................
Comune/Ambito .............................................. Comune/Ambito...................................
Comune/Ambito .............................................. Comune/Ambito................…………..
A tal fine, consapevole delle responsabilità amministrative e penali conseguenti a dichiarazioni mendaci, così come previsto dall’art.76 del DPR 445/2000, ai sensi degli artt. 46 e 47del DPR 445/00:
DICHIARA
a) di essere titolare di incarico a tempo indeterminato di assistenza primaria dal.................................................... con anzianità complessiva pari a mesi..................(1) (detratti i periodi di eventuale cessazione dell’incarico);?b) di essere attualmente iscritto nell’elenco dei medici di assistenza primaria dell’ASL ?di……………Comune di……………………. …Regione………………………….?dal…………………….(1)?c) di svolgere/non svolgere altra attività a qualsiasi titolo nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale, eccezion fatta per attività di continuità assistenziale (in caso affermativo specificare il tipo di attività) …………………………………………….?d) di avere/non avere presentato domanda in altre Aziende USL (specificare) ………………………………………………………………………… Dichiara che le notizie soprariportate corrispondono al vero L’atto sostitutivo di notorietà per l’accertamento di eventuali posizioni di incompatibilità è rimandato al momento dell’eventuale conferimento di incarico.
Chiede che ogni comunicazione in merito venga inviata al seguente indirizzo:
.....................................................................................................................
?Data Firma (2)?............................ ......................................................... ??(1) - Per accelerare le procedure di controllo sulla veridicità delle dichiarazioni, il medico può trasmettere una copia fotostatica, anche non autenticata, del/i certificato/i di servizio di cui sia in possesso.?(2) - La sottoscrizione di tale dichiarazione non è soggetta ad autenticazione ove sia apposta in presenza del funzionario competente a ricevere la documentazione ovvero sia presentata unitamente a copia fotostatica di un documento di identità del sottoscrittore (art.38 del DPR 445/00).
?BOLLO(€ 11,00) Allegato B ?RACCOMANDATA A.R.
DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL’ASSEGNAZIONE DI INCARICHI NELLE ZONE CARENTI DI ASSISTENZA PRIMARIA?(per graduatoria) ?Azienda USL di................................................................?........................................................................................?(riportare l’indirizzo indicato nell’elenco delle zone carenti) Il sottoscritto Dr...................................................nato a...............................il.....................
residente a...........................................prov.........Via.......................................................n. ….
CAP..........tel....................??inserito nella graduatoria unica regionale valevole per l’anno 2005 (pubblicata sul BUR n. 71 - parte terza, del 4 maggio 2005) FA DOMANDA secondo quanto previsto dalla norma transitoria n.2 dell'ACN della medicina generale e dall’art.20, comma 4, lett.b) del DPR 270/00 per l’assegnazione degli incarichi nelle zone carenti di assistenza primaria pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna n.71 del 4 maggio 2005 come di seguito indicato:
Comune/Ambito...............................................Comune/Ambito...................................
Comune/Ambito...............................................Comune/Ambito...................................
Comune/Ambito...............................................Comune/Ambito...................................
Comune/Ambito ..............................................Comune/Ambito...................................
Comune/Ambito ..............................................Comune/Ambito...................................
A tal fine, consapevole delle responsabilità amministrative e penali conseguenti a dichiarazioni mendaci, così come previsto dall’art.76 del DPR 445/2000, dichiara ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000:
1. di essere residente nel Comune di……………………..…con decorrenza dal……………………………(giorno/mese/anno) (1);?-precedenti residenze:?- dal………………..al………………………Comune di………………………?- dal………………..al………………………Comune di………………………?- dal………………..al………………………Comune di………………………?- dal………………..al………………………Comune di………………………?2. di aver conseguito il diploma di laurea in data……………………con voto……….?3. di essere incluso nella graduatoria unica regionale valevole per il 2005 con punti…….?4. di essere/non essere in possesso del titolo di formazione specifica in medicina generale conseguito presso la Regione……………………..in data……………………….;(2) (3)?5. di essere/non essere titolare di incarico di Assistenza Primaria (3). In caso affermativo specificare: Azienda USL di ……………..….... Comune di ………………………… dal …………………;
Il sottoscritto chiede di poter accedere alla riserva di assegnazione come appresso indicato (barrare una sola casella; in caso di barratura di entrambe o in mancanza di indicazione della riserva prescelta la domanda non sarà valutata):
? riserva per i medici in possesso dell’attestato di formazione in medicina generale – (2) ?? riserva per i medici in possesso di titolo equipollente.
Dichiara inoltre:?? di non avere presentato domanda in altre Aziende USL?? di avere presentato domanda nelle seguenti Aziende USL:..............................................?..........................................................................................................................................?.........................................................................................................................................?Dichiara che le notizie soprariportate corrispondono al vero.
L’atto sostitutivo di notorietà per l’accertamento di eventuali situazioni di incompatibilità è rimandato al momento dell’eventuale conferimento di incarico.
Chiede che ogni comunicazione in merito venga inviata al seguente indirizzo:
.....................................................................................................................
?Data Firma (4)?.................................. ......................................................... ?(1) – La residenza deve essere dichiarata almeno a decorrere dal 31.1.2002. La mancata indicazione nella domanda dei dati relativi alla residenza, comporta la non assegnazione dei punteggi aggiuntivi previsti dall’art.20, comma 7 del DPR 270/2000.?(2) – I medici inseriti in graduatoria che hanno conseguito l’attestato di formazione specifica in medicina generale dopo il 31.1.2004 devono allegare copia del titolo, con dichiarazione che lo stesso è conforme all’originale, al fine di partecipare alla riserva di assegnazione e per l’attribuzione del relativo punteggio. ?(3) – Cancellare la parte che non interessa.?(4) – La sottoscrizione di tale dichiarazione non è soggetta ad autenticazione ove sia apposta in presenza del funzionario competente a ricevere la documentazione ovvero sia presentata unitamente a copia fotostatica di un documento di identità del sottoscrittore. (art.38 del DPR 445/00).
pubblicato il 12/09/2005

MINISTERO DELLA SANITA’ Avviso riguardante la prova attitudinale, prevista dall’art.1, commi 1 e 3 , del decreto legislativo 13 ottobre 1998, n.386, per l’iscrizione all’albo degli Odontoiatri Il Ministero della sanità, in relazione alla prova attitudinale, prevista dal decreto legislativo n.386/1998 e bandita con decreto del 19 aprile 2000, pubblicato nella Gazzetta ufficiale - 4° serie speciale - n.47 del 16 giugno 2000, comunica che i medici immatricolati alla facoltà di medicina dell’anno accademico 1980-81 e fino al 31 dicembre 1984, se in possesso di una specializzazione in campo odontoiatrico non sono tenuti, ai fini dell’esercizio della professione di odontoiatra, a sostenere preventivamente la predetta prova attitudinale, i cui termini per la presentazione?delle relative domande scadono il prossimo 16 agosto 2000.


Greenteam © 2012 | Privacy Policy