Comunicato Stampa
pubblicato il 30/03/2019

COMUNICATO STAMPA

 

L’operato disciplinare della Commissione Medica di quest’Ordine è già stato sottoposto al controllo di varie Autorità giudiziarie dalla Commissione Esercenti le Professioni Sanitarie alla Corte di Cassazione alla Corte Costituzionale, iniziative alle quali si è aggiunta, da ultimo, una ulteriore verifica in sede inquirente che ci si augura promossa al fine di escludere la ricorrenza di rilievi penali nei conflitti di attribuzione già lamentati dalla Regione e dall’iscritto Dott. Venturi.

Quest’ultima circostanza nulla aggiunge o toglie alla convinzione dei Commissari tutti d’aver agito secondo le regole previste dalle disposizioni legislative vigenti e nella piena consapevolezza che qualunque decisione, come qualunque azione - deontologica o giudiziale - possa e debba essere verificata nelle varie forme e nei vari gradi di giudizio ammessi dall’ordinamento.

In tale convinzione quest’Ordine ha cercato di prestare la propria piena collaborazione istituzionale all’Autorità inquirente in ogni occasione in cui gli sono stati richiesti elementi conoscitivi e del pari in tale consapevolezza ci si attende che ogni dubbio – anche il più spiacevole - possa essere fugato con il concorso di tutte le citate Autorità investite dei casi e delle vicende prodottesi, continuando in ogni caso ad esercitare con serenità e convinzione quei compiti e quelle funzioni istituzionali conferite sia dal legislativo che dal deontologico, con alcuna presunzione di infallibilità.

 

Bologna  30 marzo 2019


Greenteam © 2012 | Privacy Policy